F1 | GP Monaco – Perez e Russell convocati dai commissari per impeding. Penalità in arrivo?

Nel corso delle FP3 a Monaco si è verificato un episodio di impeding causato da Perez ai danni di Russell. Di conseguenza, entrambi sono stati convocati dai commissari. Il pilota messicano rischia una penalità di posizioni in griglia?

Sergio Checo Perez impeding George Russell FP3 prove libere 3 rischio penalità Monaco GP Red Bull Mercedes Ferrari Carlos Sainz Charles Leclerc Mattia Binotto
@unknown

L’episodio

L’impeding tra Perez e Russell, nel corso delle FP3 di Monaco, è accaduto precisamente alle 13:51. Il messicano, in un giro lento, non ha lasciato spazio sufficiente al pilota della Mercedes, il quale era invece impegnato in un giro veloce. Ciò è accaduto in curva 13, meglio conosciuta come “Anthony Noghes”, ovvero nel tratto conclusivo del circuito.

Non sono tardate le lamentele di Russell, molto adirato, via radio: “Caspita! è stata una mossa davvero pericolosa da parte di Checo (Perez). L’ho quasi tamponato!

Di conseguenza, entrambi i piloti sono stati convocati in direzione gara alle ore 15:30, affinché spieghino il loro punto di vista ai commissari, prima che questi ultimi prendano una decisione.


Leggi anche: F1 | GP Monaco – Sintesi FP3 – Perez in testa ma Ferrari c’è


Penalità in arrivo?

Gli episodi di impeding sono esaminati sempre attentamente dalla direzione gara, in quanto potenzialmente molto pericolosi. Tuttavia, nel decidere il provvedimento, è fondamentale considerare la sessione in cui tale episodio prende parte. Un evento di questo tipo va di fatto a vanificare il giro del pilota che lo subisce, e ciò rappresenta danno di entità ben differente in base al momento del weekend in corso. Infatti, se l’impeding avviene nel corso delle qualifiche, la penalità è quasi automatica mentre, al contrario, se accade durante le prove libere, i commissari possono lasciarlo passare ben più facilmente.

In aggiunta, il circuito di Monaco, essendo estremamente corto nonchè stretto, rende estremamente difficile per i piloti gestire il traffico. Per di più i molteplici muretti che lo caratterizzano offuscano in diversi punti la visuale degli specchietti, rendendo molto complicato comprendere la posizione dell’avversario nel giro lanciato da lasciar passare. Questo ovviamente non fa che andare a favore del pilota Red Bull.

Dunque, le chance di penalità in griglia per Perez sono molto basse. Probabilmente il tutto si risolverà in una multa e una reprimenda, ovvero un ammonimento.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

mm

Matteo Venezia

Studente di ingegneria meccanica, classe 2002. Appassionato e studioso della tecnica di Formula 1, in particolare dell’area strategica.