F1| GP Montecarlo: quale assetto preparano i team per la gara più corta dell’anno?

Ci siamo appena ripresi dal movimentato gran premio spagnolo ed ecco che ci troviamo in un altro week-end di gara. Quello del prossimo fine settimana è il GP di Montecarlo, il più corto dell’anno, in cui i team preparano un assetto dedicato a questa gara.

GP Montecarlo assetto gara
CIRCUIT DE MONACO, MONACO – MAY 22: Charles Leclerc, Ferrari SF21 during the Monaco GP at Circuit de Monaco on Saturday May 22, 2021 in Monte Carlo, Monaco. (Photo by Zak Mauger / LAT Images)

La gara dello scorso fine settimana ci ha mostrato un quadro più completo delle forze in gioco, dopo che quasi tutti i team hanno aggiornato le loro vetture. Nel prossimo fine settimana le vetture del circus torneranno nel principato di Monaco, una delle gare più complesse da preparare. Vediamo come i team preparano l’assetto delle vetture per la gara più corta e lenta dell’anno, tra componenti sollecitate e modifiche specifiche per il GP di Montecarlo.

Un assetto dedicato solo per questa gara.

ferrari monaco montecarlo f1 2021 2019 leclerc diretta gran premio live cronaca gara montecarlo gara monaco oggi domenicarisultati tempi pole position leclerc pole verstappen verdetto streaming risultati GP Monaco 2021 Diretta GP Monaco 2021
CIRCUIT DE MONACO, MONACO – MAY 22: Sparks trail from Daniel Ricciardo, McLaren MCL35M during the Monaco GP at Circuit de Monaco on Saturday May 22, 2021 in Monte Carlo, Monaco. (Photo by Zak Mauger / LAT Images)

Le modifiche più importanti da fare alle vetture per migliorare gli approcci tra le curve di Montecarlo riguardano l’assetto. Partiamo dallo sterzo, che risulta fondamentale per affrontare al meglio le curve tortuose del circuito cittadino più glamour dell’anno. Le modifiche sostanziali da fare alla scatola dello sterzo, contribuiscono ad incrementare la capacità di sterzata della vettura, con un maggiore angolo di sterzata. Oltre allo sterzo, fondamentale è il setup delle sospensioni, che con queste auto super rigide dovranno affrontare uno degli asfalti più sconnessi del campionato. Sarà fondamentale infatti trovare un giusto compromesso che non sacrifichi troppo la prestazione e permetta alle vetture di non subire danni sulle disconnessioni. Sospensioni troppo morbide rischiano di aumentare il fenomeno del porpoising.

Cambio, sollecitato al massimo

retrotreno Red bull Rb 18 Sospensione posteriore anti porpoising
gruppo trasmissione + sospensione posteriore Red Bull, Credits: Albert Fabrega

Per quanto riguarda la trasmissione, il cambio è uno degli elementi più sollecitati durante il GP di Montecarlo. Nonostante la sua lunghezza, nel circuito del principato il cambio effettua un grande numero di cambiate nell’arco di un giro. Dalle precedenti edizioni infatti sono emersi valori elevati, con circa 50 cambi marcia lungo i soli 3.3 Km di tracciato che vengono percorsi in circa 70/80 secondi. Questo la dice lunga su quanto potrà soffrire la trasmissione durante le 78 tornate che dovranno affrontare i piloti alla domenica. Facendo due conti vengono fuori dei valori di utilizzo veramente elevati, circa 4000 cambi marcia. Per quanto riguarda il singolo giro invece ci si aggira ad un cambio marcia ogni 1.6 secondi circa nell’arco di un giro. Da questi dati capiamo come sia fortemente sotto stress il cambio in questo GP, quasi da considerarlo un banco prova, uno di quelli severi.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

mm

Francesco Zazzera

Studente di ingegneria meccanica, classe 98, appassionato di F1 e di tutto il motorsport in generale. Aspiro a lavorare nel mondo del motori, con il sogno della formula 1, per coronare un sogno nato dalla passione trasmessa da mio nonno.