F1 | GP Mugello – Sintesi FP3: al comando c’è Bottas, ma Verstappen può rovinare la festa alla Mercedes

Bottas si prende le FP3 del GP del Mugello, Hamilton è terzo. In seconda posizione c’è Verstappen che può insidiare la pole.

gp mugello fp3

Prima fase di sessione

Le FP3 del GP del Mugello iniziano sotto un cielo sereno. La temperatura dell’aria sul circuito toscano è di 28°C, l’asfalto fa segnare 40 gradi netti. L’intensità del vento è simile al venerdì, e soffia in senso contrario sul rettifilo principale. Le temperature sono più alte rispetto alla prima giornata in pista.

Il primo a far segnare un tempo è Valtteri Bottas su Mercedes in 1:17.437. A 45 minuti dal termine delle FP3 si sono affacciati in pista solamente pochi piloti. Quasi tutti nei primi 15 minuti hanno solamente fatto un giro di installazione; solo Bottas ha completato un giro lanciato.

Nel frattempo si stanno tutti preparando a scendere in pista. Le Alfa Romeo sono le prime ad uscire dai box, Raikkonen precede Giovinazzi di 8 decimi ma si prende 1 secondo da Bottas.

A 38 minuti dal termine entrano quasi tutti sul tracciato per proseguire con il lavoro e simulare giri di qualifica. La maggior parte dei piloti monta gomme medie, Hamilton è sulle soft e mostra i muscoli nel settore centrale e sul traguardo stacca Bottas di 22 millesimi, che però aveva fatto il giro con pista meno gommata.

Incoraggiante il giro di Leclerc che si porta a 7 decimi dalle Mercedes con una mescola di svantaggio (nel secondo giro lanciato).

Stroll dimostra che, così come la Mercedes sembra a proprio agio, anche Racing Point si trova piuttosto bene tra le curve del Mugello. Il canadese stacca Leclerc di 6 decimi e, con un 1:17.580 si mette a ridosso delle Mercedes con una mescola di svantaggio.

A mezz’ora dalla fine anche Verstappen, con compound medio, scende in pista per un giro lanciato. Bottas intanto si migliora con un 1:17.239 e Verstappen, con il miglior parziale nel t3, si mette a sandwich tra le Frecce Nere a 59 millesimi dal finlandese.

27 dal termine: Verstappen, con gomma gialla già utilizzata per qualche giro, si porta al comando della sessione con il tempo di 1:17.116. Bottas è staccato di 123 millesimi.

Ultimi 25 minuti

Dopo la prima metà di FP3 al GP del Mugello torna la calma in pista. In pit-lane Russell lamenta alcuni problemi ai freni, mentre precedentemente Sainz aveva lamentato difficoltà nello sterzare.

A 19 minuti dalla fine sono sul tracciato solamente Bottas, Albon e Vettel. Dopo alcuni minuti di pausa le monoposto tornano ad accendere i motori.

Bottas, con gomma soft nuova, accende i primi due settori di viola, migliorandosi con decisione e portandosi a 6 decimi di vantaggio. Hamilton fa segnare il miglior parziale nel t1, ma è attardato di 83 millesimi dal compagno.

Le Ferrari di Leclerc e Vettel sono, con gomma soft, rispettivamente a 9 decimi e 1.6 secondi dal leader. A Vettel comunicano di fare un doppio giro di cool down. Nel frattempo Latifi fa un ottimo giro e si mette davanti al quattro volte campione del mondo della Ferrari, così come Raikkonen che si posiziona dietro a Giovinazzi. Gasly in 1:17.2 è quarto.

A 10 dal termine Stroll si migliora e mette la propria Racing Point in terza posizioni, a mezzo secondo dalle Mercedes. Mancano all’appello con gomma rossa Verstappen e i due Renault.

Intanto Ricciardo fa il proprio giro ed è P16. Ocon si migliora, e bene: è in decima posizione.

Si lancia anche Verstappen con la mescola più morbida. L’olandese è spaventoso nel terzo settore, percorrenza perfetta della Bucine e solamente 17 millesimi di ritardo da Bottas.

 

Seguici anche su Instagram

 

F1 | Vettel – Aston Martin: quanto è costata l’operazione? Più che dimezzato lo stipendio del tedesco

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.