F1 | GP Mugello – Strategie e gomme disponibili per la gara: sulla carta 2 pit stop l’ideale al Mugello

Il Mugello, un circuito inedito per la Formula 1 dove non è così facile sorpassare. In gara potrebbero esserci diverse tattiche e questo potrebbe essere un fattore cruciale per riuscire a guadagnare qualche posizione. Mugello Strategie GP Toscana 2020 griglia di partenza

Mugello Strategie GP Toscana 2020 griglia di partenza
MUGELLO – La Haas si allena nei pit stop con la monoposto di Romain Grosjean – Photo Pirelli by Andy Hone / LAT Images

La Pirelli ha simulato e determinato le migliori strategie per la nona gara della stagione. Dal momento che il Mugello è un circuito nuovo di zecca per Formula 1 dove non è così facile sorpassare, con velocità elevate e gap molto bassi, la strategia sarà fondamentale: soprattutto perché l’usura e il degrado dei pneumatici dovrebbero essere piuttosto elevati. Mugello Strategie GP Toscana

Sulla carta, la strategia a due soste dovrebbe in realtà essere leggermente più veloce per i 59 giri di gara. La prima vede due stint su Soft più uno stint con Medium (probabilmente lo stint centrale). La seconda strategia a due soste più veloce prevede un solo stint su Soft, poi due stint su Medium.

In base alle disponibilità pneumatici di ciascun pilota, la strategia a una sosta è leggermente più lenta ma interessa meno l’usura: si parte con pneumatici Soft e si passa poi a Hard. Questa è anche la strategia più probabile per i primi 10 piloti in griglia.
La quarta opzione, sempre a una sosta ma più lenta anche se più flessibile, sarà una strategia medium-hard che prevede di effettuare il pit stop verso il giro 26. Come sempre, a seconda delle singole circostanze della gara, sono valide le permutazioni.

Strategia più veloce:
  • 2 Pit Stop: 1 stint con Soft (19 giri) + 1 stint con Medium (21 giri) + 1 stint con Soft (fino al traguardo – 19 giri)
Seconda strategia più veloce:
  • 2 Pit Stop: 1 stint con Soft (16 giri) + 1 stint con Medium (21 giri) + 1 stint con Medium (fino al traguardo – 22 giri)
Strategia un po’ più lenta:
  • 1 Pit Stop: 1 stint con Soft (22 giri) + 1 stint su Hard (fino al traguardo – 37 giri)
  • 1 Pit Stop: 1 stint con Medium (26 giri) + 1 stint su Hard (fino al traguardo – 33 giri)

Griglia di partenza

 

Mario Isola, responsabile Pirelli Motorsport, ha commentato il sabato al Mugello: “È stata un’altra giornata particolarmente calda al Mugello e i pneumatici hanno offerto buone prestazioni. Il nuovo record della pista di venerdì è stato battuto già in Q1 prima di essere ulteriormente migliorato nel Q3. Tutti i primi 10 piloti in griglia hanno scelto di iniziare la gara con pneumatici soft, il che ovviamente inciderà sulla strategia.
Gestire il degrado sulle soft all’inizio della gara sarà fondamentale, e questo aiuterà a scegliere tra a una o due soste, con diverse strategie possibili. La mescola hard avrà sicuramente un ruolo importante in gara, soprattutto per i piloti che sceglieranno una strategia a una sosta
”.

 

 

 

Foto e dati: Pirelli

 

F1 | GP Mugello – Capire le qualifiche: il confronto tra Leclerc, Hamilton e Verstappen

Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. Dopo. Poi. i i i i i i i ii i i i i i i i i Strategie GP Toscana griglia di partenza Mugello Strategie Mugello

Mugello Strategie Italia

mm

Marco Talluto

Ingegnere Gestionale appassionato di Formula 1. Social Media Manager dal 2009 con la voglia di trasmettere la mia passione per il motorsport.