F1 | GP Olanda- Anteprima Williams- Russell “Zandvoort è un circuito fantastico”

I piloti Williams conoscono il circuito di Zandvoort, dove si corre il GP di Olanda, anche se dopo le modifiche non ci hanno più corso. Dopo essere andati a punti nelle ultime due gare, l’entusiasmo del team è alle stelle, ma la FW43B probabilmente non è adatta alle caratteristiche di Zandvoort.

williams olanda
Credits Williams Facebook

Dopo il podio di Russell e il nono posto di Latifi nel Gran Premio del Belgio, la Williams si prepara al Gran Premio di Olanda. Il team, esaltato dai punti conquistati nelle ultime due gare, ha raggiunto l’ottava posizione nella classifica costruttori, aumentando il divario dalla diretta avversaria, Alfa Romeo.

Il circuito di Zandvoort ritorna nel calendario di Formula Uno dopo una pausa di 36 anni. Il circuito ha subito in questi anni varie modifiche, tra cui il rimodellamento delle curve 3 e 14, ora entrambe inclinate a circa 18 gradi. Zandvoort si trova sulla costa del Mare del Nord, la pista è molto vicina alle dune di sabbia, offrendo ampie curve e tornanti stretti.

Il commento di George Russell

George Russell è ancora al centro delle chiacchiere a causa del mercato piloti 2022. Secondo voci molto insistenti, a Monza verrà annunciato il suo arrivo in Mercedes, al posto di Bottas, che sostituirà Kimi Raikkonen, che ha comunicato la decisione di lasciare la F1 alla fine di questa stagione.

Russell, che conosce il circuito olandese, ha dichiarato: “Sono davvero entusiasta per Zandvoort. Ho corso lì un paio di volte prima ed è un circuito fantastico. Richiede un’enorme quantità di impegno. Sperimentarlo in una macchina di Formula Uno sarà molto speciale”.

Il suo pensiero va ancora una volta alla non gara di Spa: “Ovviamente dopo lo scorso fine settimana a Spa, tutti vogliono solo tornare a correre e mettere in scena lo spettacolo per tutti i tifosi del circuito e per coloro che guardano la gara in tutto il mondo alla TV”.


Leggi anche: F1 | GP Olanda- Nuvole e poco sole a Zandvoort


La dichiarazione di Nicholas Latifi

Anche Nicholas Latifi, che ha già corso sul circuito di Zandvoort, ha spiegato:Non vedo l’ora di portare l’entusiasmo da Spa a Zandvoort. Anche se non ci sono più stato dal 2013. Penso che, per la configurazione della pista, sarà una corsa piuttosto intensa in una macchina di Formula Uno. È molto veloce e molto stretto. Quindi, un grande circuito vecchia scuola che dovrebbe rendere la sessione di qualifica particolarmente eccitante. Sarà interessante sperimentare le modifiche che hanno apportato alla pista. Speriamo di poter essere competitivi anche in questo fine settimana!”.

Il commento di Dave Robson

Dave Robson, Head of Vehicle Performance, si sofferma sulle differenze tra Zandvoort e Spa: “La differenza tra Zandvoort e Spa non potrebbe essere più evidente. Dopo il lungo circuito belga, ora corriamo su una pista corta e tortuosa nei Paesi Bassi. Fortunatamente, sembra che anche il meteo sarà molto diverso da quello dello scorso fine settimana: non pioverà per la maggior parte del fine settimana”.

Robson aggiunge che per Williams potrebbe essere molto impegnativo il prossimo GP di Olanda: “Dopo il successo di sabato scorso, non vediamo l’ora di scendere in pista su questo nuovo circuito. La FW43B probabilmente non è adatta alle caratteristiche di Zandvoort. Tuttavia, poiché il circuito è nuovo per tutti, speriamo che questo possa avvicinarci agli altri, dando a entrambi i piloti la possibilità di utilizzare le loro abilità di guida per fare la differenza”.

Pirelli porta la sua gamma più dura di mescole di pneumatici. Una combinazione che abbiamo visto l’ultima volta a Silverstone e Barcellona. Se la pista rimane fresca, potrebbe essere una sfida far funzionare correttamente queste mescole. Questo potrebbe servire solo a farci mantenere il passo degli altri” ha concluso Robson.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.