F1 | GP Olanda – Delusione McLaren, Norris: “Qualifiche sprecate, non mi sentivo sicuro. Domani gara difficile, ma siamo veloci”

Trentasei anni dopo l’ultimo GP d’Olanda, si torna a correre a Zandvoort, ma la McLaren fatica ad ingranare: decimo posto per Ricciardo, tredicesimo per Norris.

GP Olanda McLaren
Daniel Ricciardo (AUS) McLaren MCL35M.
03.09.2021. Formula 1 World Championship, Rd 13, Dutch Grand Prix, Zandvoort, Netherlands, Practice Day.
– www.xpbimages.com, EMail: requests@xpbimages.com © Copyright: XPB Images

Che il circuito di Zandvoort fosse imprevedibile era già stato preannunciato dalle prove libere, ma forse in casa McLaren ci si aspettava qualcosa di diverso per queste qualifiche del GP d’Olanda. Poco da fare però, fra una bandiera rossa di troppo e qualche difficoltà di adattamento, Ricciardo guadagna il decimo posto, mentre Norris solamente il tredicesimo.

Daniel Ricciardo

“Direi che per il 75% delle qualifiche, in Q1 e Q2, siamo andati davvero bene rispetto a come ci aspettavamo. In generale mi sentivo bene con la macchina e i tempi sul giro erano buoni. Il feeling di oggi era buono, molto naturale e per questo sono riuscito a migliorarmi un po’ in ogni curva. Mi sono sentito a mio agio”.

“Nel Q3 invece, mi sono sentito fin dalla prima curva come se mi mancasse aderenza, quindi da quel momento in poi è stata più dura. Non sappiamo ancora perché, la pista potrebbe essere cambiata e forse ci siamo persi qualcosa, esamineremo la situazione e cercheremo di trovare una risposta. È frustrante perché la Q3 detta la griglia e questa è stata la nostra peggior prestazione in qualifica. Ci sono alcuni aspetti positivi di oggi da portarci a casa, ma ancora alcune incognite, perciò continueremo a lavorare duro”.

Leggi Anche:

F1 | GP Olanda, Verstappen poleman a casa sua: “Pista incredibile, fantastico fare la pole qui. Speriamo di completare l’opera domani.”

Lando Norris

“Non è il giorno che volevamo o che ci aspettavamo, semplicemente non ho lavorato al meglio. Non mi sentivo abbastanza sicuro in qualifica e alcuni degli altri erano più veloci di noi. In generale è stata una lotta serrata, anche ad esempio con le Williams e le Alfa Romeo. In ogni caso, anche avessi avuto più confidenza nella macchina, non so se sarei arrivato in Q3, perché oggi la situazione era complicata”.

“È un peccato perché questa è la gara di cui avevamo davvero bisogno per essere forti, ma semplicemente non ci siamo riusciti. Inoltre, non abbiamo avuto un’ultima opportunità per provare un altro giro a causa della bandiera rossa. La gara di domani sarà molto difficile, ma penso che siamo decisamente più veloci di qualche vettura davanti a noi, quindi speriamo di poter guadagnare qualche punto”.

Andreas Seidl

“Questo è stato un sabato pomeriggio molto difficile per noi. Da entrambi i lati del garage, era semplicemente difficile estrarre più prestazioni dall’auto. La Q1 e la Q2 di Daniel sono andate bene ed ha fatto un ottimo giro all’inizio della Q2, che gli ha permesso di arrivare in Q3 nonostante le difficoltà di oggi. Poi però, abbiamo faticato con il grip in Q3. Da parte di Lando, in tre tentativi non si è mai sentito veramente a suo agio a spingere e portare la macchina al limite. Ha perso la sua ultima opportunità in Q2, ma anche se l’avesse colta, il risultato sarebbe stato probabilmente marginale”. 

“Data la natura del tracciato di Zandvoort, la qualifica di oggi ci mette in una posizione difficile per la gara, visto quanto sia difficile sorpassare qui. Allo stesso tempo, finora abbiamo visto che questa è una pista dove possono succedere molte cose. Il compito di stasera è vedere cosa possiamo imparare da oggi, apportare eventuali miglioramenti ed essere pronti a cogliere tutte le opportunità che potrebbero presentarsi domani”.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Desirée Palombelli

Classe 1999, aspirante giornalista. Studio Relazioni Internazionali a Roma e scrivo di Formula 1.