F1 | GP Olanda- Mazepin: “Schumacher non ha rispettato le regole”

Nikita Mazepin furioso contro Mick Schumacher, perché durante le qualifiche del Gran Premio d’Olanda non avrebbe rispettato una regola del team. Schumacher, però, aveva chiesto al team di poter procedere. A farne le spese Vettel, ostacolato dalla manovra delle Haas.

Mazepin Schumacher Olanda
Credits Haas Facebook

Nelle qualifiche del Gran Premio di Olanda battibecco tra i due piloti Haas, Mazepin e Schumacher. Non è la prima volta in Campionato che assistiamo ad episodi di questo tipo.

Vediamo cosa è accaduto. Nelle fasi finali della Q1, Mick Schumacher ha superato Mazepin per lanciarsi nel giro cronometrato. Secondo Mazepin, Mick non poteva fare quella manovra. Infatti, il regolamento interno alla Haas prevede che i piloti si alternino ad ogni qualifica ad uscire per primi e rimanere davanti al compagno di squadra. A Zandvoort toccava al pilota russo.

Il racconto di Mazepin

Mazepin si è lamentato alla radio dopo che Mick Schumacher lo ha sorpassato mentre la i piloti lasciavano i box per iniziare i loro ultimi giri in Q1. Mazepin ha detto che credeva di avere il diritto di star davanti.

Abbiamo avuto una discussione interna al team su quello che è successo“, ha detto. “E penso che dopo questa discussione ci sia una cosa chiara: l’accordo adottato a Imola non è più valido. Non sono sicuro di quando sia cambiato e come sia cambiato.

Quindi dobbiamo trovare un sistema che funzioni perché non ho intenzione di cedere, lui non vuole cedere. Quindi dobbiamo trovare un modo di decidere, e che entrambi dovremmo rispettare, non quando ognuno di noi vuole. Dobbiamo trovare una procedura che ogni pilota deve applicare in ogni momento e rigorosamente”.

Siamo una squadra giovane, come dicono tutti. Quindi penso che miglioreremo, miglioreremo, capiremo e diventeremo più forti da queste esperienze“.

Il danno a Vettel

Mazepin ha successivamente cercato di ripassare Schumacher quando Sebastian Vettel li ha raggiunti. Le due Haas hanno ostacolato Vettel, compromettendo il suo giro e la sua qualifica. Infatti, il tedesco non è riuscito a qualificarsi per la Q2. Sia Mazepin sia Schumacher sono stati convocati dai giudici di gara, ma non sono stati sanzionati.

Mazepin ha sottolineato che Schumacher probabilmente non sapeva che Vettel li stava raggiungendo nel corso del giro di lancio delle qualifiche del GP di Olanda..

Per essere onesti con Mick, ero molto arrabbiato perché sono stato sorpassato quando non dovevo essere sorpassato. Ma in tutta onestà Mick non sapeva che Vettel stava arrivando”.

Ma io, d’altra parte, sapevo che stava arrivando e avevo bisogno di togliermi di mezzo. Così mi sono spostato all’interno, ma con Mick che frenava per tenersi distante da Latifi, non c’era nessun posto dove andare”.

Quando sette auto viaggiano a 30 km/h e un’auto veloce arriva a 300 per forza si verificano queste situazioni. Ma sono stati 20 minuti molto stressanti”.

L’accusa di Mazepin a Schumacher dopo l’episodio nelle qualifiche del GP di Olanda

A Racefans a proposito del migliorare il rapporto con Schumacher, Mazepin ha detto che continuerà ad essere se stesso e seguirà le istruzioni della sua squadra.
Sono russo, come i miei connazionali, sono molto diretto. Conosco il mio posto nella squadra. Ho un capo squadra e sono più che felice di seguire le regole perché penso che sia molto importante essere una squadra. Un un giorno le regole ti favoriscono, un giorno le regole non lo saranno,  ma almeno  sai a che punto sei”.

“Quello che non mi piace con le persone è quando sono sfacciate, combattono per P19. Penso che mostri solo la loro vera natura e non lo tollero e rimarrò solo me stesso, indipendentemente dal risultato e ascolterò il mio capo squadra, che è Günther [Steiner] e farò come mi è stato detto, fino all’ultimo giorno della mia carriera in Formula 1, che si spera sia molto lontano“.


Leggi anche F1 | GP Olanda- Le qualifiche di Alfa- Giovinazzi in P7: “Risultato ottenuto grazie al lavoro della squadra”


La versione di Mick Schumacher

Tuttavia, Schumacher aveva chiesto al suo ingegnere di gara, Gary Gannon, il permesso per superare Mazepin, e gli è stato accordato. “Il team mi ha dato l’autorizzazione a passare Nikita prima della terza curva“, ha detto Schumacher. “E l’ho fatto.”

Schumacher ha detto di aver superato Mazepin in modo da poter aumentare la temperatura delle sue gomme dopo che si sono raffreddate mentre erano fermi ai box. “Sono stato dietro di lui per tutto il fine settimana. Già dalle FP3, abbiamo capito che avevo bisogno di più tempo rispetto a lui per riscaldare le mie gomme“, ha detto. “E questo è stato abbastanza evidente nelle prime due manche dove alla curva 13 praticamente non avevo quasi nessun grip“.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.