F1 | GP Portogallo- Anteprima Haas, Schumacher: “I team hanno poca esperienza qui, potrebbe essere interessante”

Il GP di Portogallo sembra dover rappresentare l’ennesima domenica difficile per la Haas. Il team americano è già concentrato sul 2022 e mira a far fare esperienza ai suoi giovani piloti in vista della prossima stagione. Per Mick Schumacher la poca esperienza dei team potrebbe equilibrare le prestazioni.

GP portogallo
Foto: haasf1team.com

Dopo una domenica di pausa che ha seguito il GP di Imola la Formula 1 arriva in Portogallo. Per la Haas con grande probabilità sarà l’ennesimo weekend di difficoltà. Il team americano è già concentrato sul 2022 e mira a far fare esperienza ai suoi giovani piloti in vista della prossima stagione. Finora Mick Schumacher è stato in grado di stare costantemente davanti al suo compagno di squadra Mazepin, entrambi al primo anno in F1. Nei giorni scorsi inoltre il pilota russo si è lasciato andare a dichiarazioni importanti nei confronti del campione del Mondo di F2.

Guenther Steiner, Team Principal

“I nostri obiettivi non sono cambiati. Dobbiamo far sì che i nostri piloti prendano sempre più confidenza con l’auto e con le varie procedure. Dobbiamo rimanere concentrati sul nostro lavoro cercando di ottenere il massimo possibile da ogni occasione.

Per quanto riguarda l’annuncio del Gran Premio di Miami penso che sia una notizia fantastica per tutto lo sport. Per noi, in quanto team americano, è motivo di orgoglio poter correre due volte negli Stati Uniti.  Miami è una bella città e sarà interessante correre lì”.

Mick Schumacher

“A Imola ho imparato molte cose. La prestazione a livello di squadra non è stata delle migliori ma a livello personale ho potuto provare macchina e gomme in condizioni di bagnato. Alla fine mi sono divertito molto. Imola inoltre è molto diversa rispetto al Bahrain. Ogni volta devi abituarti a una pista diversa in poco tempo e questo ti fa crescere come pilota. Credo che arriviamo al GP del Portogallo più forti rispetto alle scorse gare. 

Ho avuto modo di girare a Portimao con la F2 nel 2018. Il layout è fantastico, molto old school. Sarà un weekend interessante perché i team non hanno molta esperienza qui. Le prestazioni tra le varie monoposto potrebbero essere più equilibrate“.

Nikita Mazepin

“Il salto dalla Formula 2 alla Formula 1 è enorme. Ci sono un sacco di dati da considerare e analizzare. Ogni domenica impari qualcosa e questo è positivo. Il mio approccio alla gara resta sempre lo stesso. Amo correre e mi sento fortunato a fare questo lavoro

Sono stati a Portimao per il mio primo test su una auto ‘formula’. Si tratta di una pista particolare, fatta di molti saliscendi che rendono tutto molto emozionante. Non vedo davvero l’ora di salire in macchina”.

Seguici anche su Instagram