F1 | GP Portogallo- Le scuse di Mazepin a Perez: “È stata colpa mia” [VIDEO]

Al termine del Gran Premio del Portogallo Nikita Mazepin ha ammesso l’errore ai danni di Sergio Perez, nel momento in cui il messicano, che in quel momento era leader della gara, lo stava doppiando.  Per questa manovra il russo è stato sanzionato dai commissari.

mazepin portogallo perez
Credits Haas F1 Team Facebook

Nikita Mazepin ha ignorato le bandiere blu mentre stava per essere doppiato da Sergio Perez, che in quel momento era in testa al Gran Premio del Portogallo.

Per questo comportamento il pilota russo ha ricevuto una penalità di 5 secondi e gli è stato tolto un punto dalla superlicenza.

Era il 46 ° giro del Gran Premio del Portogallo quando Pérez, che non aveva ancora effettuato la sosta ai box, stava conducendo la gara. La Red Bull si è avvicinata a Mazepin per doppiarlo. Il pilota russo non si è allontanato nonostante le bandiere blu ed entrambi stavano per toccarsi, danneggiando l’ala anteriore della Red Bull di Perez.

In pista, il pilota della Red Bull ha definito Mazepin un “idiota” alla radio. Inoltre, credeva che il russo lo avesse visto attraverso gli specchietti retrovisori.

Di seguito il video

Nikita Mazepin ha ammesso di non averlo visto, ha riconosciuto la sua responsabilità e si è scusato con il pilota messicano: “È semplice: ho commesso un errore. Siamo passati al Piano C a metà gara, credo di essere stato l’unico a fare due soste quindi speravo di scendere in pista e di essere solo”.

Non ho davvero ricevuto un avvertimento da parte del team, ma non cerco scuse. È stata tutta colpa mia e chiedo scusa a Checo”.

Nikita Mazepin si era già lamentato due settimane fa, a Imola, della mancanza di comunicazione da parte del team. Il fattaccio si era verificato durante le qualifiche, il russo aveva sorpassato Antonio Giovinazzi, rovinando il giro veloce del pilota italiano.


Leggi anche: Mazepin contro Mick Schumacher: “Non ho i suoi privilegi”


La gara di Nikita Mazepin

Il resto della gara di Mazepin a Portimao è stata piuttosto tranquilla. Mentre il compagno di squadra Mick Schumacher ha combattuto con Nicholas Latifi e ha persino finito davanti alla Williams, il russo ha guidato praticamente da solo per gran parte della gara.

È stata abbastanza dura, due ore non sono mai facili. Un’altra gara che finisco”, ha dichiarato Mazepin. Sul lato positivo, oltre ad essere la seconda volta che vede la bandiera a scacchi in F1, Mazepin sottolinea che continua con il suo adattamento alla macchina e con il suo apprendimento. “Abbiamo imparato la lezione, ma c’è ancora molto da migliorare“, ha concluso il pilota russo.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | GP Portogallo- Alonso: “Abbiamo fatto un grande passo avanti”

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.