F1 | GP Portogallo – Prove Libere Aston Martin: “10 vetture in 6 decimi, qualifiche imprevedibili”

vettel aston martin portogallo gp portimao prove libere 2021
credits: Aston Martin F1 Team Twitter

Un altro venerdì di Prove Libere complicato per le due Aston Martin di Sebastian Vettel e Lance Stroll in Portogallo, con il tedesco che paga mezzo secondo dal compagno.

Le Prove Libere del venerdì del Portogallo hanno visto una Aston Martin ancora in difficoltà, in particolare con il proprio alfiere, Sebastian Vettel. Durante la sessione della mattina Vettel aveva chiuso al 16° posto, mentre Stroll all’11°. Leggermente meglio nelle FP2 dove Vettel è arrivato 15°, con Stroll in top ten, nono. In entrambi i casi il giovane canadese ha rifilato più di mezzo secondo al campione tedesco, che sembra non aver ancora preso bene le misure della propria Aston Martin.

Le parole di Vettel dopo le Prove Libere del Portogallo

“Non è stato facile mettere insieme i giri perché, sebbene la superficie della pista abbia più grip rispetto alla gara dello scorso anno, è comunque piuttosto complicata. Anche le condizioni del vento erano impegnative, ma non ci hanno impedito di completare molti giri e lavorare attraverso il programma.”

“Ogni giro è importante per capire la macchina e apportare miglioramenti, quindi è stato positivo in questo senso. Trovare il giusto equilibrio per le qualifiche e assicurarci di preparare al meglio i giri domani, è l’obiettivo di questa sera.”

Le parole di Stroll dopo il venerdì di Portimao

È fantastico essere di nuovo in Portogallo. La pista è molto divertente e i cambi di pendenza sono una vera sfida all’interno dell’auto. Le condizioni non erano ideali oggi, il che ha reso piuttosto difficile trovare il miglior equilibrio, ma penso che tutti avrebbero detto lo stesso dopo le sessioni di oggi. Domani cercheremo tutti di guadagnare. Con solo sei decimi che separano le prime 10 vetture, le qualifiche dovrebbero essere imprevedibili e un ottimo spettacolo per i tifosi a casa. Non vedo l’ora di iniziare domani.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1