F1 | GP Qatar – Anteprima Brembo: freni poco sollecitati

Per la prima volta le F1 corrono sul tracciato di Losail. Analizziamolo insieme a Brembo, che l’ha classificato come non molto impegnativo per i freni. GP Qatar Anteprima Brembo

GP Qatar Anteprima Brembo
Credits: Brembo

Nella stagione 2021, per la prima volta nella storia, la Formula 1 disputa un Gran Premio in Qatar. GP Qatar Anteprima Brembo
Il circuito è quello di Losail, vicino a Doha, utilizzato anche in MotoGP dal 2004. Date però le differenze tra le due classi, le peculiarità del circuito sono diverse per le monoposto di F1.

Tracciato GP Qatar
Il tracciato del GP del Qatar [Credits: Brembo]
Il circuito è lungo 5380 metri e viene percorso 57 volte per completare un Gran Premio.
La pista non è molto impegnativa per gli impianti frenanti. Solo in 7 delle 16 curve i piloti devono utilizzare i freni, a differenza delle 12 per le MotoGP.

L’impiego dei freni è ridotto durante la gara: solo 8,7 secondi a giro, pari al 10,7% del totale. Le MotoGP li usano, invece, per 34 secondi.

Le frenate

Frenate GP Qatar
Le frenate del GP del Qatar [Credits: Brembo]
Delle 7 frenate totali nessuna è altamente impegnativa, 4 sono di media difficoltà e le rimanenti 3 solo light.

A differenza della MotoGP, in cui la frenata più impegnativa è quella di curva 1, per le F1 è invece quella di curva 6. Ciò è dovuto principalmente alla maggiore velocità di percorrenza possibile nella prima curva.
In curva 6 le vetture passano da 258 km/h a 98 km/h in 2,47 secondi e 103 metri. La decelerazione massima raggiunge i 4,2g.

Delle frenate rimanenti solo in curva 1 si raggiungono i 4g, con quella di curva 10 appena sotto (3,9g). Nella prima curva le monoposto hanno una velocità d’uscita elevata (208 km/h), dopo aver frenato dai 315 km/h. Il tempo di frenata è di 1,14 e lo spazio di 79 metri.

Tutte le altre frenate, ad eccezione di quella di curva 16 (3,8g) presentano una decelerazione pari o inferiore a 3g. 

Dati e immagini forniti da Brembo.

Seguici sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter