F1| GP Qatar- La gara di AlphaTauri- Gasly: “Eravamo troppo lenti”

Delusione in casa AlphaTauri: Gasly arriva al traguardo del Gran Premio del Qatar 11°, il compagno di squadra, Yuki Tsunoda, 13°. Con il terzo posto di Alonso, Alpine allunga in classifica, inasprendo la lotta con AlphaTauri per il quinto posto nella classifica costruttori.

AlphaTauri Gran Premio
Credits AlphaTauri

AlphaTauri lascia il Qatar senza prendere un punto. Ha davvero dell’incredibile l’insuccesso di Alpha Tauri nel Gran Premio del Qatar. AlphaTauri aveva avuto prestazioni migliori rispetto ad Alpine, sua diretta concorrente al quinto posto in classifica costruttori, nel corso del weekend in Qatar. In gara la situazione si è ribaltata, mentre Alpine conquistava il terzo gradino del podio, AlphaTauri giungeva al traguardo fuori dalla zona punti.

La gara di Pierre Gasly

Gasly si era particolarmente distinto il venerdì con ottimi tempi. Sabato aveva concluso le qualifiche in P4, nonostante avesse rotto l’ala anteriore e forato la gomma anteriore destra, perché aveva affrontato un cordolo in maniera aggressiva. Grazie alle penalità a Bottas e Verstappen, Gasly è partito dalla prima fila nel Gran Premio del Qatar.

In gara Gasly non è riuscito a stare al passo con gli altri, scivolando ben presto fuori dalla zona punti. Ha concluso la gara in 11esima posizione.

È una giornata davvero frustrante. Sia Yuki che io siamo partiti nella top 10, ma abbiamo perso posizioni durante la gara. Stavo dando tutto quello che avevo dentro la macchina oggi, ma eravamo troppo lenti. Anche all’inizio non sono riuscito a stare con Alonso, quindi abbiamo cercato di fare due stop aggressivi, ma il ritmo non c’era. Oggi non ha funzionato, il che è davvero deludente. Dopo l’incidente di ieri abbiamo cambiato alcune parti della macchina, non so se queste potrebbero aver influito sul nostro passo gara oggi, ma dovremo andare via e rivedere tutto, dato che non riesco a spiegarlo in questo momento.”

La gara di Yuki Tsunoda

L’AlphaTauri di Yuki Tsunoda è scattata dall’ottava posizione nella griglia di partenza del Gran Premio del Qatar. Nel primo stint uno degli strati della visiera si è incastrato nell’ala posteriore, causando una perdita di bilanciamento e cairco. Tsunoda ha avuto anche un basso rendimento a causa del degrado delle gomme. 

È stata una gara particolarmente dura, ho faticato molto con la gomma morbida, soprattutto nel primo stint. Non ce lo aspettavamo davvero, dato che nel complesso questa settimana abbiamo avuto un buon ritmo, ma oggi in gara è sceso, quindi dobbiamo guardare i dati e capire perché è stato così. È un vero peccato, dato che Alpine ha fatto un’ottima gara oggi, quindi abbiamo bisogno di una forte rimonta per le ultime due gare“.


Leggi anche: F1 | GP Qatar – Analisi post gara Pirelli: gomme protagoniste


Il commento del Direttore Tecnico Jody Egginton

La gara di stasera è stata difficile in quanto entrambe le vetture hanno lottato con il ritmo e il degrado delle gomme. Il primo stint di Yuki è stato compromesso quando uno strappo della visiera si è bloccato sull’ala posteriore. Ciò ha causato una perdita di carico e bilanciamento, rendendo necessaria la prima fermata in avanti in modo che potesse essere rimossa, il che lo ha fatto cadere più indietro dell’ideale”.

“Con Pierre stavamo lottando con l’equilibrio, poiché aveva un’elevata usura delle gomme anteriori sinistre, il che significa che non poteva seguire le macchine davanti. Quindi, ancora una volta, siamo stati costretti a portare avanti il primo stint e adattare la strategia per consentire di gestire l’usura delle gomme. Il risultato netto di questi problemi ha influito sulle posizioni in pista e non abbiamo avuto un ritmo sufficiente per recuperare in questa occasione”.

“Tutto merito di Alpine, hanno davvero fatto funzionare la gomma morbida e in una battaglia così serrata questo ha fatto la differenza stasera.  Ovviamente, l’intero team è deluso di aver perso terreno nella battaglia per il quinto posto nel Campionato Costruttori, tuttavia mancano ancora due gare. Anche se impegnativi, i nostri obiettivi rimangono invariati e spingeremo per segnare più punti possibile.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.