F1 | GP Qatar – Mazepin sul danno al telaio: “Frustrante, non è accaduto oltre i track limits”

Venerdì amaro in Qatar per Nikita Mazepin: dopo aver rimediato un danno al telaio nelle FP1 percorrendo la traiettoria regolare non ha potuto partecipare alle FP2.

Mazepin Qatar
Foto: Haas F1 Team

Venerdì più complicato del previsto per la Haas in Qatar, in particolare per Nikita Mazepin. Il pilota russo ha completato solamente 16 giri nella prima sessione prima di subire un danno al telaio della sua VF-21. La scuderia americana ha quindi dovuto sostituire il telaio danneggiato, costringendo così il rookie a saltare la sessione notturna.

A portare avanti il programma per la Haas è stato quindi Mick Schumacher. Il pilota tedesco, dopo aver concluso la prima ora in diciottesima posizione, ha segnato l’ultimo tempo nella seconda libera della giornata. Il campione in carica di Formula 2 ha completato complessivamente 48 giri.


Leggi anche: F1 | GP Qatar – Sintesi FP2: Bottas vola sul giro secco e sul passo gara, vicini Hamilton e Verstappen


Mazepin racconta la dinamica del problema riscontrato: “Ho sentito qualcosa avvicinarsi molto al fondo della mia macchina. È frustrante perché non ho lasciato il circuito, ero all’interno dei track limits nel momento in cui è accaduto. Evidentemente tutte le vetture non digeriscono questi cordoli. In particolare, ha colpito la mia macchina con l’angolazione sbagliata e d’ora in avanti staremo molto attenti. Penso che la prima sessione che in FP3 inizieremo stando all’interno delle linee bianche: non penseremo alla velocità ma saremo attenti fin dall’inizio – che è la priorità – e poi spingere partendo da lì”.

Schumacher prevede una qualifica divertente ma una gara con poca azione: “Non ho per niente lavorato al simulatore, quindi sono arrivato senza aspettative. Nel complesso, è stato molto divertente, mi è piaciuto. La pista è molto veloce, probabilmente non come previsto. Mi sento abbastanza bene, penso che sia una bella pista su cui fare le qualifiche, probabilmente per in gara sarà un po’ più difficile, ma sono pronto per essere sorpreso”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.