F1 | GP Russia, le voci della Ferrari: “Abbiamo del lavoro da fare”

La Ferrari arriva a Sochi con l’obiettivo di iniziare la rimonta a Hamilton e la Mercedes. Le prove libere tuttavia non sono andate molto bene, ma i piloti restano ottimisti per le qualifiche e la gara. Ferrari GP Russia

Ferrari GP Russia
Foto: Scuderia Ferrari

Il weekend russo della Ferrari si era aperto nel migliore dei modi. Sebastian Vettel si è imposto nella sessione del mattino stabilendo il miglior tempo in 1:34.488, mentre il compagno di squadra Kimi Raikkonen ha concluso la sessione solo al settimo posto in 1:35.696.

Le cose si sono complicate nella seconda sessione. Le due Ferrari non sono andati oltre la quinta e la sesta posizione, rispettivamente con Vettel in 1:33.928, staccato di oltre mezzo secondo dal leader Lewis Hamilton, e Raikkonen in 1:34.388.

Nonostante i distacchi abbondanti i due piloti non sembrano allarmati e non è da escludere che nelle FP2 la Ferrari abbia preservato il motore di più rispetto alla concorrenza.

Ha così commentato Sebastian Vettel:

“Alcuni venerdì vanno bene e altri meno; oggi non è stata una gran giornata per noi. Non siamo ancora dove vogliamo essere e abbiamo del lavoro da fare. Oggi è stato difficile mettere assieme i giri, abbiamo rovinato le gomme troppo in fretta, soprattutto l’anteriore sinistra, e faticato un po’ sia nel giro singolo che con benzina a bordo. C’era anche parecchio traffico e ovviamente questo non aiuta. Ora dobbiamo metterci al lavoro, perché bisogna trovare il motivo di tutto questo e tornare più forti. Comunque sono ottimista come sempre, visto che penso che domani e domenica andrà meglio e troveremo le giuste soluzioni da applicare. Domani puntiamo a mettere entrambe le macchine in prima fila; non sappiamo ancora quello che accadrà, ma cercheremo di fare del nostro meglio, visto che la pole è la posizione migliore dalla quale partire”.

Scuderia Ferrari

Mostra un atteggiamento simile nelle sue dichiarazioni anche Kimi Raikkonen:

Di solito il venerdì è sempre difficile con la gestione degli pneumatici; poi la situazione migliora, l’asfalto si pulisce e l’aderenza è maggiore. Oggi le condizioni erano come ce le aspettavamo. Di solito il venerdì non guardiamo più di tanto ai tempi sul giro; proviamo diverse cose e impariamo da questo. Senza dubbio c’è del lavoro da fare e ci sono cose da migliorare, ma è normale. Vedremo quello che accadrà domani in qualifica, quando tutti daranno il massimo”.

In conclusione è ancora presto per lanciare segnali di allarme in casa Ferrari. La scuderia di Maranello ha già dimostrato in altre occasioni di fare un grosso salto in avanti al Sabato. Inoltre, contrariamente a quanto avvenuto a Singapore, il lavoro è stato differenziato in modo da raccogliere dati su tutte e tre le mescole portate dalla Pirelli a Sochi.

Il verdetto su quali potranno essere le ambizioni Ferrari nella campagna russo verrà emesso domani.


F1 | Ferrari all’attacco totale: importante aggiornamento aerodinamico portato a Sochi

Ferrari GP Russia Ferrari GP Russia Ferrari GP Russia

F1 | GP Russia, le voci della Ferrari: “Abbiamo del lavoro da fare”
Lascia un voto
mm

Carlo Platella

Nato e cresciuto a Torino, studio ingegneria dell'Autoveicolo nel Politecnico della mia città. Ho una grande passione per il motorsport in tutte le sue forme che mi piace trasmettere negli articoli. Lavoro nella Squadra Corse della mia università con la speranza un giorno di entrare in Formula 1.