F1 | GP Russia, per Norris niente penalità per il taglio in pit, solo una reprimenda

Per Lando Norris niente penalità, solo una reprimenda, questo il giudizio dei commissari di F1 per aver tagliato la linea bianca in pit lane avvenuto nel GP Russia

GP Russia Norris reprimenda
Fonte: Twitter McLaren

Per Lando Norris solo una reprimenda, questo è il giudizio dei commissari per aver tagliato la linea bianca nell’ingresso in pit lane nel corso del GP di Russia. Per i commissari le condizioni di pista stavano peggiorando e ciò ha scaturito l’errore del pilota della McLaren in ingresso ai box.

Il GP di Sochi è stato un sogno trasformatosi in incubo per il pilota britannico, in controllo e primo fino all’arrivo della pioggia. Da quel momento è iniziata un’altra gara e Lando è rimasto fuori con le gomme da asciutto, lottando con le condizioni atmosferiche. Un tentativo rischioso che in pochi giri si è trasformato in un incubo. Controllare la vettura in quelle condizioni era diventato impossibile anche per un pilota del suo talento che nel corso del 51esimo giro si è arreso rientrando ai box per montare le intermedie. Durante il passaggio ai box, Norris ha perso il controllo della vettura, tagliando la linea bianca di ingresso al pit.


Leggi anche:
F1 | GP Russia – Norris sceglie di non passare alle Intermedie, il Team Radio infuocato con la squadra: “STAI ZITTO”


La decisione dei commissari

I commissari hanno sanzionato Lando Norris con una reprimenda, la prima per lui in questa stagione. Gli Stewards hanno notato come il pilota della McLaren nel giro precedente fosse passato in curva 17(adiacente all’ingresso ai box) ad alta velocità senza perdere il controllo. Tuttavia, le condizioni nel giro di rientro erano peggiorate significativamente, a detta degli Stewards stessi, complicando notevolmente l’ingresso ai box. Anche se stava andando ad una velocità bassa, con il poco grip in quel momento, era prevedibile una conclusione del genere. In conclusione i commissari hanno optato per la reprimenda e non una penalità di tempo. Principalmente dovuto al fatto che hanno considerato l’accaduto un errore di guida avvenuto in condizioni difficili e non un atto volontario.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter