F1 | GP Silverstone – Williams: “La terza sosta ci ha penalizzato, dobbiamo capire se era necessaria”

George Russell e Nicholas Latifi sono pienamente d’accordo nell’affermare che le posizioni ottenute al termine del Gran Premio celebrativo dei Settant’anni della Formula 1 non rispecchino il reale potenziale della monoposto. Il team ha optato per una strategia a tre soste che purtroppo non ha pagato in termini di risultati. gp silverstone williams

gp silverstone williams
Foto Williams Racing

I due alfieri della Williams, George Russell e Nicholas Latifi, sono entrambi pienamente d’accordo nell’affermare che le posizioni ottenute al termine del Gran Premio celebrativo dei Settant’anni della Formula 1 tenutosi a Silvertsone non rispecchino il reale potenziale della monoposto. gp silverstone williams

Diciottesimo e diciannovesimo piazzamento rispettivamente per Russell e Latifi alla bandiera a scacchi di una gara dove a fare da padrona sono stati gli pneumatici. I problemi di blistering al posteriore hanno dato vita a diverse strategie tra le squadre e quella a tre soste utilizzata dal team inglese di Grove certamente non ha pagato in termini di risultati.

In vista dell’imminente Gran Premio di Spagna, in squadra si analizzeranno attentamente i dati relativi alle gomme per capire innanzitutto se la terza chiamata ai box fosse necessaria e, in seguito, migliorarne la gestione per le gare future.

George Russell, P18 gp silverstone williams

È stata una gara molto difficile. Abbiamo avuto una partenza davvero male e abbiamo perso un paio di posizioni. È stato difficile per tutti, ma a volte è così in queste gare difficili. Abbiamo molto da capire e rivedere, semplicemente non era il nostro giorno.”

Sono stati due weekend molto diversi a Silverstone. Dobbiamo capire perché e cosa è cambiato tra questi due fine settimana e come questo ci aiuterà ad andare avanti. Tuttavia, sono state due buone settimane. Il nostro ritmo in qualifica è forte, quindi dobbiamo solo continuare a lavorare sul nostro ritmo di domenica.”

Nicholas Latifi, P19

E’ stata una gara in cui bisognava adattarsi al volo in base alla situazione e alla strategia. Il feeling con la macchina era buono, anche meglio dello scorso fine settimana ed è la massima fiducia che ho avuto al volante in una gara fino ad ora.”

“Penso che la posizione di arrivo non sia quella che meritiamo di avere, abbiamo avuto dei problemi alle gomme con la nostra posteriore sinistra, che ci hanno costretti a una terza sosta. Penso che siamo stati solo sfortunati per la posizione in pista e per essere rimasti bloccati dietro alcune vetture. Sono un po’ deluso, ma la cosa positiva è che il ritmo c’è.

Dave Robson, capo del reparto Performance del Veicolo

È stata una giornata difficile con la gestione delle gomme che ha dominato gran parte del pomeriggio. Il blistering sui pneumatici posteriori hanno causato molte vibrazioni, che hanno disturbato molto i piloti e hanno influito sulla loro visibilità. Abbiamo deciso di fare una terza sosta con entrambe le vetture, e questo è stato costoso nella nostra gara con le vetture intorno a noi.”

Dobbiamo esaminare i dati e rivedere lo stato delle gomme dopo ogni stint per vedere se la terza sosta era necessaria e come gestiremo le gomme in una situazione simile in futuro. Se riusciamo a capire questo, allora utilizzeremo meglio il ritmo di gara naturale della macchina, che è stato decisamente migliore in questo fine settimana anche se non si è mostrato nel risultato finale della gara.”

È stata un’esperienza interessante fare gare consecutive su un circuito così fantastico e avere l’opportunità di farlo con diverse combinazioni di pneumatici. Tuttavia, senza i fan qui l’atmosfera non è la stessa e non vediamo l’ora di tornare l’anno prossimo con una folla al completo.”

“Tra pochi giorni voleremo in Spagna e dobbiamo imparare velocemente da oggi e riorganizzarci per sfruttare al meglio il passo della macchina a Barcellona.”

 

Seguici sui nostri social (facebook, twitter, instagram)

Seguici anche su Telegram

F1 | Rivelazione Mercedes: Hulkenberg pronto ad affiancare Rosberg nel 2013

Mariangela Picillo

Studentessa di ingegneria meccanica. Da grande vorrei fare del motorsport la mia vita quotidiana.