F1| GP Singapore – Sintesi Prove Libere 1: Red Bull sugli scudi con le Ferrari vicine. Leclerc a muro.

Si conferma molto competitiva la Red Bull. Ricciardo primo con un ottimo tempo, 1:39.711, ben tre secondi più veloce del suo stesso tempo nel 2017. Secondo a due decimi il compagno Max Verstappen che precede i ferraristi Vettel, terzo, e Raikkonen quarto rispettivamente a tre decimi e otto decimi dall’australiano capofila. Più attardate le Mercedes, che hanno svolto un lavoro completamente diverso sperimentando le gomme Soft in ottica gara. GP Singapore Sintesi Prove Libere 1

GP Singapore Sintesi Prove Libere 1

Inizia il weekend di corse a Marina Bay, condizioni meteorologiche ottimali nonostante il caldo e la forte umidità.

Subito in pista le due Ferrari con vernice applicata al fondo per verificare l’efficacia degli aggiornamenti aerodinamici, stessa strategia per le Sauber.

Inizia il valzer dei tempi, primo giro veloce per Kimi Raikkonen, presto superato dal compagno di squadra e successivamente da Bottas che, dopo soltanto venti minuti, stampa un tempo già al di sotto del giro più veloce della passata edizione di prove libere 1 realizzando un ottimo 1’42.170.

Interessante la scelta degli pneumatici, gomme HyperSoft per le Ferrari contro le UltraSoft delle due Mercedes che, non ostante la differenza di mescola, si mettono al comando in questa prima parte di sessione. Hamilton si piazza davanti a tutti rifilando un secondo netto al rivale mondiale Vettel.

Buone prestazioni anche per le Red Bull in terza e quarta posizione, non distanti dai tempi delle Mercedes con gomme soft. Si prospetta un weekend interessante per gli austriaci.

Tra le scuderie di metà classifica da segnalare le ottime prestazioni di Force India con gomme HyperSoft e per le Renault, da notare anche l’ottimo decimo tempo per Alonso, rimangono invece inchiodate sul fondo del monitor dei tempi le Sauber e le Williams a quattro secondi di distanza.

La pista in questa prima mezzora risulta scivolosa, a causa della presenza di sabbia sul tracciato tre piloti, Stroll, Bottas e Perez si sono resi protagonisti di tre testacoda, senza comunque rischiare il contatto con le barriere.

La parte centrale delle FP1 si apre con un grandissimo tempo di Daniel Ricciardo che gli vale il primo posto ottenuto con gomme Soft. Le Mercedes si rimettono nuovamente davanti a tutti con gomme gialle, cosa che conferma la validità di questa mescola in ottica gara.

Ferrari nuovamente in pista con gomme HyperSoft , questa volta per trovare il miglior tempo,;ottimo giro per Vettel che rifila mezzo secondo al compagno di squadra.

Velocissime anche le Red Bull con gomme “rosa” con Ricciardo, in prima posizione a due decimi da Vettel e a mezzo secondo da Verstappen terzo.

Risalgono dal fondo le Sauber piazzando un ottimo nono tempo per il futuro ferrarista Leclerc a tre decimi dal compagno in undicesima posizione. Sempre male le Williams davanti solo a Vandoorne ultimo.

Prove di passo gara per le Mercedes nell’ultima parte di prove, tempi costanti per;i tedeschi su gomme Soft nonostante la comparsa prematura di blistering sulla monoposto di Hamilton,;questo potrebbe essere un dato importante per domenica.

Simulazione di gara anche per le Ferrari e le Red Bull, entrambe su HyperSoft , con le rosse più veloci degli austriaci che si confermano comunque estremamente competitivi su questo tracciato.

Buon inizio di weekend per le Renault appaiate alle Mercedes e per le Force India che hanno lasciato intravedere buoni segnali.

Decisamente male le Williams e le McLaren, Alonso ha riscontrato infatti problemi alla power unit, poi risolti, mentre Vandoorne ha completato solamente undici giri finendo ultimo sul monitor dei tempi.

Con Charles Leclerc a muro dopo un brutto errore si conclude la prima sessione di prove libere.

Classifica Prove Libere 1 GP Singapore

Foto F1.com

F1 | GP Singapore – Vettel: “Il mio più grande nemico in questa stagione sono io”

F1| GP Singapore – Sintesi Prove Libere 1: Red Bull sugli scudi con le Ferrari vicine. Leclerc a muro.
Lascia un voto