F1 | GP Singapore – Verstappen sul problema benzina: “È incredibilmente frustrante. Avremmo dovuto capirlo prima”

Non la qualifica del GP di Singapore che Max Verstappen sperava. Il pilota olandese scatterà in quarta fila dopo un errore del team.

Max Vertappen - GP Singapore
Un errore del team ha impedito a Verstappen di completare il suo ultimo giro nella qualifica del GP di Singapore, la benzina nella sua RB18 non era sufficiente – Foto: Red Bull Racing Twitter

Max Verstappen inizierà il GP di Singapore della casella n.8 della griglia di partenza  dopo un problema con la benzina. Il pilota olandese in Q3 aveva dimostrato d’avere la velocità sufficiente per potersi giocare la pole position con Lecelrc, Pérez e Hamilton ma non è riuscito a completare un giro veloce. Verstappen è apparso particolarmente frustrato dalla situazione soprattutto nel team radio post qualifica, dove la foga del momento era ancora alta. Negli ultimi minuti della qualifica il team gli aveva comunicato di abortire il giro che stava per completare, con due settori dove aveva fatto segnare la miglior prestazione, e prepararsi per un ultimo assalto al tempo di Charles Leclerc. Il secondo giro dell’olandese non era buono come il primo ma, arrivato alle ultime curve, sembrava sufficiente per giocarsi la pole con il pilota monegasco. A quel punto la Red Bull ha chiesto a Verstappen di ritornare ai box, costringendolo così di fatto a scattare dalla 4° fila della griglia. Il team ha successivamente confermato che la monoposto n.1 era al limite con la benzina e quindi a rischio anche di squalifica.

Leggi anche: F1 | GP Singapore – Qualifiche Alfa Romeo, Bottas: “Andare fuori in Q1 è deludente”

Le parole di Max Verstappen:

“Mi sentivo bene nel giro prima però mi hanno detto di abortire il giro e l’ho fatto. Alla fine, all’ultimo giro, mi è stato detto di entrare ai box e li ho realizzato cosa fosse successo, non avevamo più benzina. Questo è incredibilmente frustrante e non dovrebbe accadere. Quando hai poca benzina o quando non pianifichi di fare quei giri puoi capire, per tutta la sessione, che non ce la farai. Avremmo dovuto capirlo prima, non sono per nulla felice in questo momento. So che è un lavoro di squadra, io posso fare errori e così anche il team ma è inaccettabile. Da questo si può, ovviamente, imparare ma non dovrebbe succedere. Qui è come Monaco, è molto difficile superare. Si può fare qualcosa con la strategia ma al momento non voglio pensare alla gara. Quando salirò in macchina darò il massimo ma ora sono frustrato da quello che è successo.”

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

Giada Di Somma

Appassionata di motori da sempre. Studio comunicazione a Roma e spero di poter rendere la mia passione un lavoro.