F1 | GP Spagna 2021 – Prove libere Alfa Romeo, Kubica: “Tornare in pista è sempre meraviglioso”

Pochi circuiti racchiudono così pochi segreti come Barcellona: la sede abituale dei test invernali è un circuito che figura nel calendario dal 1991. Probabilmente il luogo più familiare per chiunque abbia mai guidato una Formula Uno nell’era moderna. GP Spagna 2021 Alfa Romeo

GP Spagna 2021 Alfa Romeo
Credits: @alfaromeoracing
Tuttavia, la pratica è importante per mettere a punto l’assetto delle vetture in modo da rispondere alle gomme, ai trasferimenti di carico e alle curve riprofilate di quest’anno, la 10 e 11. La giornata ha prodotto un buon numero di giri per il team e la dimostrazione che la lotta a centrocampo sarà ancora una volta serrata. GP Spagna 2021 Alfa Romeo

 Kimi Räikkönen dopo la sua giornata, parla così del venerdì di Barcellona: GP Spagna 2021 Alfa Romeo

“Sono riuscito a fare un buon numero di giri nel pomeriggio, il che è sempre positivo.  Conosco molto bene la pista e in effetti c’è solo una nuova curva da imparare.  La macchina non si è guidata male, quindi possiamo essere ottimisti in vista del resto del fine settimana.  Abbiamo del lavoro da fare stasera, ma anche tutti gli altri e domani vedremo dove andremo a finire in qualifica “.

 Antonio Giovinazzi, dopo le FP, parla così delle sue sensazioni: GP Spagna 2021 Alfa Romeo

“Tutto sommato, è stata una giornata positiva in cui abbiamo dimostrato di essere davvero vicini ai primi dieci.  Dobbiamo trovare qualcosa in più guardando i dati stasera, ma sappiamo che le qualifiche saranno decise dai margini più piccoli.  Il layout della pista è migliorato, mi piace la nuova curva dieci: credo sia molto meglio della configurazione precedente.  Rimane una curva difficile e che può fare la differenza nel singolo giro “.

 Robert Kubica, al suo ritorno in pista, dice:

 “È stato bello tornare in macchina in una sessione ufficiale e mi dispiace di aver concluso la sessione in questo modo.  È stato un errore molto piccolo ma abbiamo pagato un prezzo alto: ho valutato male i livelli di aderenza al mio primo giro con gomme morbide, sono andato in testacoda a metà curva e sono rimasto bloccato nella trappola di ghiaia.  È stato comunque bello ritrovare il feeling con questa vettura, soprattutto in vista dei test della prossima settimana: non vedo l’ora di provare i nuovi pneumatici da 18 pollici e aiutare la squadra a fare questo importante passo.  Sarà una sessione interessante! “

mm

Matteo Quattrocchi

Studente presso L’Università degli Studi di Pavia, fotografo sportivo e appassionato di motori da sempre.