F1 | GP Spagna – Anteprima Pirelli: “Grande sfida per gli pneumatici”

Dopo il double header sul circuito di Silverstone, la Formula 1 si sposta a Barcellona. Vediamo nel dettaglio i dati forniti da Pirelli per il GP di Spagna in questa anteprima.

gp spagna anteprima pirelli

La Formula 1 correrà il GP di Spagna, accompagnata dalla Formula 2 e la Formula 3. Le mescole scelte per questo appuntamento sono le stesse utilizzate nell’edizione 2019, ovvero le più dure della gamma: C1, C2 e C3 quali P Zero White hard, P Zero Yellow medium e P Zero Red soft. Viste le alte temperature e i carichi impressionanti su alcune curve, ad esempio la tre, sarà una bella sfida per i team e i piloti in termini di strategie e gestione gomme. anteprima pirelli gp spagna

gp spagna anteprima pirelli

Le caratteristiche del tracciato:

Il circuito di Montmelò è stato riasfaltato due anni fa, ma col passare del tempo l’asfalto è cambiato molto, tornando alle stesse caratteristiche di quello precedente. Questo fattore e le temperature elevatissime non renderanno il compito semplice ai team: seppur abbiano corso qui pochi mesi fa in occasione dei test pre-stagionali, la differenza climatica non è da sottovalutare.

Lo scorso anno la strategia prediletta fu quella a due soste: tutti i piloti, eccetto uno, si fermarono due volte in una gara condizionata da una grande presenza di safety car in pista. I primi 5 piloti a tagliare il traguardo optarono per quattro differenti strategie, in una gara di metà maggio in cui si sfiorarono i 40°.

Informazioni tecniche:

  • Pressioni minime alla partenza: 23,0 psi (ant.) | 20,5 psi (post.)
  • Camber massimo: -3,25° (ant.) | -1,75° (post.)

Le parole di Mario Isola, responsabile Pirelli F1 e Car Racing:

“A Barcellona si conclude il secondo triple header, in una stagione finora molto intensa. I piloti scenderanno in pista al Circuit de Catalunya per la terza volta quest’anno, dopo le due sessioni di test pre-stagionali, ma con condizioni meteo nettamente diverse e monoposto più evolute da allora. Le temperature particolarmente elevate aumenteranno il degrado termico su un tracciato impegnativo per gli pneumatici, quindi sarà particolarmente cruciale la gestione delle gomme e il controllo del loro surriscaldamento, che potrebbe influire sulla trazione. Saranno fondamentali le prove libere, per capire il comportamento delle gomme in condizioni difficili come queste. Come confermato dalle ultime due gare a Silverstone, le monoposto attuali sono le più prestazionali della  storia della Formula 1; se a questo fattore si aggiunge il fatto che a Barcellona non si è mai corso in agosto, dobbiamo aspettarci il Gran Premio di Spagna più impegnativo di sempre sul fronte pneumatici.”

Foto e dati Pirelli

Seguici anche su Twitter

F1 | GP 70° Anniversario – Classifica piloti e team: Sorpasso per Verstappen [Round 5 Silverstone]

 

Simona D.

Studentessa di lingue appassionata di motori che spera, un giorno, di poter trasformare la sua passione nella sua professione.