F1 | GP Spagna – Confronto ala posteriore: Ferrari vs Red Bull

In occasione del GP di Spagna sia Ferrari che Red Bull hanno portato una nuova ala posteriore con configurazione di medio-alto carico, analizziamole in questo confronto.

GP Spagna confronto ala posteriore Ferrari Red Bull Charles Leclerc Max Verstappen Monza Imola Monaco Barcellona Carlos Sainz Sergio Perez
Ferrari F1-75 ai box di Barcellona – Credits: Albert Fabrega

Come è noto a tutti gli addetti ai lavori, il circuito di Barcellona storicamente fornisce i veri rapporti di forza tra le scuderie. Infatti, grazie alla conformazione del tracciato, le auto sono sottoposte a tutte le tipologie di stress da gara. Sono presenti allunghi, curve lente e curve veloci che mettono a dura prova i progetti dei team. Inoltre, essendo un circuito sul quale i team hanno avuto già modo di raccogliere dati durante i test prestagionali, sarà per loro un banco di prova per testare le novità. A tal proposito, sia Ferrari che Red Bull hanno portato una nuova ala posteriore da medio-alto carico da far esordire durante il weekend del GP di Spagna.

Confronto Ferrari vs. Red Bull: alla ricerca di carico sul posteriore

Questo slideshow richiede JavaScript.

I due team attualmente in lotta per il mondiale si presentano a Barcellona con due nuove ali posteriori. Entrambe le soluzioni sono volte alla generazione di un carico maggiore rispetto alle specifiche sino ad ora utilizzate. Infatti, la conformazione del circuito catalano si presta a soluzioni da medio-alto carico. Tuttavia, l’ala montata sulla RB18 nella foto riportata, sembra essere da massimo carico. Sia il main plain che il flap mobile presentano grosse dimensioni in corda, con il primo che presenta un’andatura piana nella prima sezione, la cui incidenza aumenta in prossimità del bordo d’uscita. L’ala mobile, invece, segue l’andatura della parte terminale main plain e sembra trovarsi in posizione quasi verticale.


Leggi anche: GP Spagna – Aston Martin “copia” Red Bull con le nuove pance


Ferrari, invece, sceglie di portare un’ala posteriore con main plain a cucchiaio la cui forma è quasi piatta. L’ala mobile, anche per la Rossa, è in posizione da alto carico. La differenza principale tra le due soluzioni è da ricercare nella curvatura tra flap ed endplate. Ferrari, sin dall’inizio della stagione, sceglie elementi molto arrotondati, mentre Red Bull opta per soluzioni quasi nette. Inoltre, sia l’ala Ferrari che quella Red Bull presentano un Gurney flap lungo il bordo d’uscita in modo da aumentare ulteriormente il carico generato a fronte di un piccolo incremento di drag.

Non ci resta che attendere e scoprire se effettivamente la RB18 e la F1-75 scenderenno in pista con queste soluzioni o se, invece, saranno utilizzate per raccogliere dati comparativi con le soluzioni viste nei Gran Premi passati.