F1 – GP Spagna – Il venerdì dell’Aston Martin, Vettel: “Oggi mi sono sentito finalmente a mio agio”

Si sono concluse le prime due prove libere di F1 per il GP di Spagna. L’Aston Martin guidata da Sebastian Vettel e da Lance Stroll è riuscita nella mattina a portare entrambi i piloti in top ten al contrario del pomeriggio. Giornata molto importante per tutto il team, dove hanno testato nuovi importanti pacchetti aereodinamici. Aston Martin in F1

Aston Martin in F1
Sebastian Vettel – Foto: Aston Martin

Sebastian Vettel FP1 P8 1:19.234FP2 P11 1:18.947

Ecco le parole del tedesco al termine delle FP2: “Penso che finora sia stato il nostro miglior venerdì dell’anno. Oggi abbiamo fatto molti giri e abbiamo provato vari bilanciamenti in vista della gara” . Aston Martin in F1

“Oggi mi sono sentito bene in macchina ed è stata la mia occasione per provare nuove parti aereodinamiche, che si sono rivelate efficienti. È difficile dire esattamente dove saremo domani visto che c’è una grande competizione a centrocampo ed è molto serrata. Proveremo a trovare qualcosa in più stasera, per rubare ancora qualche decimo di prestazione” .

Aston Martin in F1
LanceStroll – Foto: Aston Martin

Lance Stroll FP1 P10 1:19.429FP2 P14 1:19.134

Ecco cosa ha detto il canadese al termine delle prove libere del venerdì: “E’ stato un venerdì molto intenso, dove abbiamo abbiamo coperto molti giri, ma questo ci ha aiutato a conoscere meglio la macchina. Anche se fuori c’era vento e faceva caldo, mi sentivo a mio agio e oggi abbiamo svolto un ottimo lavoro” .

“Si tratta di continuare a capire la macchina” – ha proseguito Lance Stroll – “le nuove parti che abbiamo introdotto oggi, sembrano averci portato nella giusta direzione” .

“Abbiamo visto quanto è vicina la griglia qui, e su questa pista non è mai facile sorpassare, quindi dobbiamo assicurarci di avere un buon passo sul giro singolo ma specialmente di fare i giri giusti nel momento corretto”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Raikkonen torna sul contatto di Portimao: “La cosa peggiore? Affrontare mio figlio…”