F1 | GP Spagna – Mercedes: Qual è stata la causa del problema di fine gara?

Negli ultimi giri del GP di Spagna è stato riferito ai piloti Mercedes di un rischio DNF, qual è stato il problema?

GP Spagna Mercedes Lewis Hamilton problema George Russell Monaco Gran Premio formula 1 Max Verstappen Charles Leclerc
Lewis Hamilton durante il GP di Spagna – Credits: Mercedes F1 Team

Il GP di Spagna regala emozioni contrastanti a Mercedes che, a causa di un problema, rischia il doppio ritiro. Durante uno dei gran premi migliori della carriera di George Russell ed una rimonta dall’ultima alla quarta posizione per Lewis Hamilton, i rispettivi ingegneri a 2 giri dalla fine si aprono in radio ai piloti avvisandoli di un potenziale rischio DNF.

Il problema di Hamilton

GP Spagna Mercedes Lewis Hamilton problema George Russell Monaco Gran Premio formula 1 Max Verstappen Charles Leclerc
George Russell in pista al Montmelò – Credits: Mercedes F1 Team

Tra i due piloti Mercedes ad aver avuto il rischio maggiore vi è Lewis Hamilton. Il 7 volte campione del mondo, dopo un contatto con Magnussen nel corso del primo giro, risiedeva in quarta posizione a due tornate dal termine. Successivamente, il vantaggio di 3.5s costruito su Carlos Sainz è stato ridotto a meno di 1s in poche curve. La causa è da ricercare in una fuoriuscita di acqua che ha causato un aumento delle temperature del motore. Questo ha fatto si che il pilota inglese fosse costretto ad alzare il piede dall’acceleratore e non sfruttare a pieno la potenza del motore per non rischiare un ulteriore aumento delle temperature. Infatti, a questo punto della gara, Lewis Hamilton è stato molto vicino al ritiro della sua W13. Il team in via precauzionale ha subito avvisato il suo compagno di squadra, George Russell, chiedendo di effettuare lift and coast negli ultimi due giri. Tuttavia, Mercedes esce da Barcellona rinforzata in quanto gli aggiornamenti portati hanno fornito i risultati sperati.


Leggi anche: GP Spagna – Gara, George Russell chiude terzo: “Gli ultimi giri sono stati molto difficili, è stata una corsa per la sopravvivenza”


Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter