F1 | GP Spagna, sintesi FP1: Bottas comanda su Verstappen, Ferrari a cinque decimi su gomma media

Nelle prime FP1 del GP di Spagna la leadership è di Bottas, di pochi millesimi davanti a Verstappen. Ferrari a mezzo secondo con una mescola di svantaggio.

fp1 spagna

Una settimana dopo il weekend in Algarve, ecco al via il fine settimana del Gran Premio di Spagna. Le FP1 di Barcellona si aprono sotto un cielo sereno, 22 gradi centigradi la temperatura dell’aria, 35°C quella dell’asfalto. Per la sessione del mattino Robert Kubica e Roy Nissany sostituiranno i titolari Raikkonen e Russell sulle rispettive monoposto.

A cinque minuti dall’inizio dei 60 minuti di inizio weekend arriva la prima bandiera gialla: la causa, in curva 8, Nikita Mazepin. Il giovane russo perde la monoposto in ghiaia, ma riesce a ripartire con la sua Haas.

Nei primi istanti di sessione buona parte dei piloti è in pista con pneumatici hard. La Ferrari di Sainz gira con vernice flow viz sull’ala posteriore. Alonso intanto con gomma rossa si posiziona in P2 tra Hamilton e Verstappen, entrambi con mescola hard.

Venti minuti dalla bandiera verde, momenti di relativa pausa in pista. La classifica vede Hamilton al comando, seguito da Alonso (unico su gomma soft), Verstappen, Bottas, Norris, Leclerc e Sainz. Nel frattempo Leclerc trova traffico causato dalla Haas di Mazepin e si lamenta in radio: “Non cambierà mai”.

Immagine

Seconda metà di FP1

I piloti, dopo un breve momento di calma, tornano a girare a metà sessione, concentrandosi sul lavoro con gomme dal compound duro. Dentro ai box sono invece ancora le Ferrari di Leclerc e Sainz; mentre Vettel si scambia per un attimo i fucsia con Hamilton, entrambi con soft. L’inglese abbassa poi il tempo in 1:18.808, seguito da Bottas a 30 millesimi. L’ex Ferrari invece, non conclude il secondo tentativo, perso un pezzo in percorrenza di curva 7, ma resta in P4 alle spalle di un Gasly due decimi dietro alle Mercedes. fp1 spagna

L’ultima parte di FP1 in Spagna viene affrontata dalla maggior parte dei piloti con pneumatici dalla banda rossa, i più morbidi. Tutti si migliorano e provano a stampare un tempo, Ferrari monta ancora gomme hard.

A 15 minuti dal termine della sessione ecco una bandiera rossa ad interrompere la sessione. L’interruzione è dovuta ad un testacoda di Robert Kubica: il polacco si gira sulla sua Alfa Romeo in entrata della nuova curva 10. Posteriore perso e monoposto in ghiaia.

 

fp1 spagna

La mattinata in pista riprende per l’ultima decina di minuti. Le due rosse scendono in pista con le gomme medie, unici in questo momento; Red Bull su compound morbido.

Gli ultimi momenti in pista portano le Ferrari a migliorarsi con gomma media, segnando tempi interessanti: Leclerc e Sainz in P5 e P6 a poco meno di 5 decimi dalla vetta. Verstappen si mette all’inseguimento dopo alcuni problemini, il giro è solo 33 millesimi più lento di Bottas, che trova traffico di una Ferrari negli ultimi tentativi.

fp1 spagna

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.