F1 | GP Spagna – Sintesi FP2: Hamilton conquista le Prove libere 2

La giornata di venerdì si chiude con le Mercedes che tornano a dimostrare di essere ancora le più forti. Bene Verstappen e Ricciardo soprattutto nella simulazione qualifica. Ecco la Sintesi delle FP2! GP Spagna Sintesi FP2

GP Spagna Sintesi FP2
Credits: Mercedes-AMG F1 GP Spagna – Sintesi FP2

 

Primi 45 minuti: GP Spagna Sintesi FP2

L’ultimo turno di Prove Libere del venerdì inizia ancora come di consueto con l’accensione del semaforo verde dei box. l’obiettivo di questa sessione è duplice come da prassi. Si inizierà col valutare soprattutto la velocità della monoposto con mescole performanti e successivamente il passo nel long run. GP Spagna Sintesi FP2

La pista ha già raggiunto i 48°C e l’aria i 30°C. Sarà importante per i piloti valutare il comportamento delle vetture. Il primo a testare la pista spagnola incandescente è Lando Norris. Il pilota inglese monta gomma Media. il suo tempo di riferimento è:1:19.221

Dopo i primi 15 minuti Latifi fa segnare con gomma dura il miglior primo settore. Sinonimo di quanto i team vogliano studiare la velocità raggiungibile con le mescole meno performanti ma resistenti al caldo.

Guizzo di Leclerc e Vettel che, con gomma media si piazzano in P1e P4. Bottas P2 a soli +0.045 dal monegasco ma con gomma dura più fresca di un giro. Hamilton vola in ogni settore abbassa il miglior tempo a 1:17.970 con gomma media.

Quasi tutti i piloti lanciati in questa prima mezzora di prove con gomma media e dura nelle simulazioni qualifica. Bene anche Ricciardo che si migliora soprattutto nel terzo settore.

Russell riscontra problemi di setup sulla sua vettura, mentre Verstappen sale in P2 a +0.427 da Hamilton.

A 1 ora dalla fine Bottas si lancia montando gomma Soft e vola in ogni settore. Gli ingegneri gli confermano temperature più alte di 10°C rispetto alla mattinata. La nuova pole è 1:17.170. Sainz spinge forte e sale in P3

A 10 minuti dal giro di boa Hamilton mette tutti dietro ancora una volta. Escono in formazione le 2 Rosse, vetture che oggi ricordano la scomparsa 32 anni fa del fondatore del marchio oggi più potente al mondo.

 

Seconda parte di sessione:

La seconda metà di sessione inizia con la Ferrari di Vettel che si lancia con gomma rossa ma non migliora il suo personale. Nel frattempo Ocon lamenta instabilità al posteriore della sua vettura.

Bottas continua a girare con la stessa gomma rossa ma, con 10 giri all’attivo, fatica a migliorarsi e si abbassano i suoi tempi. Hamilton intanto effettua simulazioni di partenza. Tanta aggressività di vettel nelle curve 15 e 16 che fa saltare molto la sua monoposto.

a 34 minuti dal termine le vetture non hanno ancora smesso di spingere, posticipando l’inizio dei long run. Questo dovuto anche al fatto che parte degli stessi sono stati svolti nella fase finale delle FP1.

30 minuti sull’orologio Verstappen esce ancora con gomma rossa. Sceglie questa mescola per iniziare la sua raccolta dati sul passo gara. I suoi primi giri di attacco sono molto veloci

Strategia differenziata in casa Ferrari. Vettel Fuori con gomma Media vecchia di 9 giri, mentre Leclerc su gomma Rossa con la stessa vita residua.

Russell critica la situazione di grip carente sulla sua vettura, mentre Grosjean migliora nettamente il suo passo con gomma rossa usata per 17 giri.

problemi di potenza per Grosjean che, verso la fine del suo giro, avverte un improvviso crollo di potenza dal motore. Rientrato ai box però verificano i tecnici che è tutto ok.

a 7 minuti dalla fine della sessione anche Ricciardo spinge nella simulazione qualifica. I suoi tempi sono più lenti di circa 0.300 secondi rispetto alla Mercedes.

Nel confronto con Ricciardo, Leclerc  riesce ad essere più veloce di 3 decimi in ottica di risultato a fine gara.

Buono anche il passo di Gasly che, con gomma dura, gira su tempi molto migliori rispetto a quelli di vettel su gomma gialla.

Bandiera a scacchi e si chiude così la seconda sessione di Prove libere del GP di Spagna.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

 

F1 | GP Spagna – Sintesi FP1: Bottas il più veloce nelle prime libere della mattinata

 

mm

Matteo Quattrocchi

Studente presso L’Università degli Studi di Pavia, fotografo sportivo e appassionato di motori da sempre.