F1 | GP Stati Uniti – Alonso dopo le qualifiche: “Non avevamo ritmo, dobbiamo capire perché non siamo andati bene come negli scorsi GP”

Qualifiche dal sapore amaro per l’Alpine negli Stati Uniti, con Alonso e Ocon che non riescono ad accedere al Q3.

alonso alpine qualifiche stati uniti
Credits: Alpine F1, Twitter

Alpine F1 Team ha terminato le qualifiche del GP degli Stati Uniti con Esteban Ocon undicesimo e Fernando Alonso quattordicesimo. Risultato sottotono per i due piloti della scuderia francese, che conferma quanto la squadra stia faticando sulla pista del COTA

I piloti hanno corso il Q1 montando le gomme soft e hanno fatto due tentativi ciascuno per passare alla fase di qualificazione successiva, finendo in tredicesima e quattordicesima posizione. Per il Q2, Esteban ha optato per le gomme medie con Fernando che montava le soft. Fernando è uscito per primo, seguito poi da Ocon. Il miglior tentativo di Esteban, in 1:35.377, lo ha visto infilarsi in undicesima posizione, mancando di poco la top ten per due decimi di secondo.

“Penso che l’undicesimo posto fosse il massimo che avremmo potuto ottenere, quindi tutto sommato sono abbastanza contento del risultato”, ha commentato Ocon. “È stato un weekend difficile finora e non eravamo in lizza per raggiungere la Q3 e oggi eravamo al limite. Abbiamo provato a superare la Q2 con le Medium e non eravamo troppo lontani. Forse con le Soft avremmo potuto farcela, ma siamo rimasti fedeli al nostro piano pensando alla gara. È stato un lavoro di squadra, con Fernando che mi ha aiutato dandomi la scia in Q2. Ha funzionato bene, ma non è stato sufficiente per passare alla Q3. Tutto può succedere in gara e la strategia sarà fondamentale. Rimarremo positivi e spingeremo al massimo”.


Leggi anche: F1 | GP USA – Qualifiche Alfa Romeo, Raikkonen: “Qualifiche pessime, in gara dovremo essere più furbi”


Nonostante gli sforzi per arrivare 14°, Fernando partirà dalla diciannovesima posizione in griglia a seguito di una penalità per aver cambiato per la quarta volta il suo motore.

“Abbiamo combattuto una piccola battaglia in qualifica con George Russell e Sebastian Vettel a causa del cambio di motore. Alla fine, non avevamo il ritmo, quindi dobbiamo analizzare tutto questo e cercare di capire perché non siamo dove eravamo negli ultimi due Gran Premi. Ho cercato di aiutare Esteban dandogli la scia, ma ci mancavano ancora un paio di decimi per essere in lotta con gli altri. C’è ancora la possibilità di fare punti in gara con una buona strategia, quindi daremo il massimo”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Simona D.

Studentessa di lingue appassionata di motori che spera, un giorno, di poter trasformare la sua passione nella sua professione.