F1 | GP Stiria – Analisi Passo Gara FP2: un venerdì pomeriggio bizzarro

Il GP della Stiria ha visto una sessione pomeridiana inconsueta, specie per le simulazioni di passo gara. L’attenzione di molti è sugli aggiornamenti Ferrari, mentre Red Bull e Mercedes si concentrano sulla qualifica.

Il primo GP della storia ad avvenire una settimana dopo il precedente sulla stessa pista, ha inevitabilmente delle bizzarrie. Alcuni team hanno modificato il consueto programma, una volta note le caratteristiche dell’insieme pista-gomme-vettura, cercando di migliorare i punti deboli emersi nel caotico GP d’Austria e analizzando gli aggiornamenti portati in pista.

F1 | Analisi tecnica GP Austria – La Ferrari punta su una nuova ala anteriore

E’ certamente il caso della Mercedes, che ha dominato con Bottas la prima gara della stagione con un passo nettamente superiore al resto della griglia, ma anche della Red Bull, che èriuscita con Verstappen di prendersi la Pole Position virtuale, nel caso in cui non si disputino le qualifiche domani ed eventualmente domenica mattina. La Ferrari ha invece deciso di effettuare una nuova simulazione di gara, solo con le Medie, mentre Racing Point ha deciso di proseguire con il programma solito. I carichi di carburante in questa sessione sono stati perciò assai meno chiari del solito.

Mercedes gira poco, ma rimane davanti

La Mercedes non si è concentrata sul passo, effettuando alcuni stint su Soft, e racimolando molti giri solo con Bottas. In ogni caso rimangono i più veloci, anche se viene da chiedersi se più che il passo in sè non si stia studiando la calibrazione dell’elettronica del cambio, che tante noie aveva dato domenica costringendo a rallentare l’avanzata di Bottas e Hamilton. Le prestazioni sono state assai meno esaltatanti di quelle dello scorso venerdì o della gara, ma il margine almeno per Bottas c’è e si nota bene nel grafico a scatola in fondo. Hamilton non ha effettuato la simulazione, e nemmeno puntato alla “qualifica”: sembra che ci siano alcune noie tecniche sulla sua vettura.

Red Bull: buona la seconda?

L’affidabilità ha tradito Max Verstappen e Alex Albon nella corsa per le vittoria, che poteva benissimo essere nelle loro mani dopo i problemi delle Frecce nere. Questo pomeriggio i due hanno studiato le tre mescole per qualche giro. Verstappen sulle medie è a metà tra lo scorso venerdì e i tempi più alti di domenica, ma ha effettuato appena 5 giri e non sono noti i carichi di carburante. Albon usa le Hard e le Soft, con tempi però decisamente alti e più simili a quelli di Vettel la scorsa domenica, superiori al resto del gruppo. Rimangono da risolvere dei problemi di bilanciamento nelle curve veloci, dove Albon si è girato.

Verstappen certamente potrebbe riprovare in qualifica il passaggio della  Q2 con le medie, ponendosi in una buona posizione per la gara asciutta, e cercando di insidiare le Mercedes e restargli alle costole, puntando al ripresentarsi dei problemi tecnici. Ma se non si disputassero le qualifiche partirebbe primo, e forse riuscirebbe a restare davanti a Bottas e Hamilton.

Racing Point concentrate sul passo gara

Le Racing Point fin qui sono state costantemente il terzo team, e lo sarebbero stati anche Domenica scorsa se avessero cambiato le gomme al sempre consistente Perez, che è stato poi passato con le coperture degradate. Per questo motivo sono il team che ha effettuato la classica simulazione gara. Anche qui  si nota una media degli stint più alta rispetto al 1.09 netto di venerdì scorso.

Ferrari: funzioneranno gli aggiornamenti?

I piloti hanno riportato impressioni positive sui nuovi aggiornamenti all’ala anteriore e al fondo, ma essi non hanno certamente riportato in testa la Rossa. Vettel, su Medie, è sicuramente sembrato più veloce e sicuro che nello scorso weekend, su tempi vicini a Leclerc. L’altro ferrarista è stato in linea con le Racing Point nel primo stint e migliore nel secondo stint, effettuato per 4 giri su gomme Medie.

McLaren: mescole differenti per Sainz e Norris

Il podio di Lando Norris è per la McLaren più un eccezione che la regola per ora, come ci ha raccontato Andread Seidl. Il programma tra i due piloti è stato differenziato: Sain ha provato le Medie, Norris ha testato per 5 giri le Hard. I tempi di Sainz sono leggermente più alti di quelli di Stroll, anche se non sappiamo il carico di carburante, mentre Norris è riuscito in questo stint breve ad essere leggermente iù veloce del compagno di squadra.

Renault: Ocon in linea con le Racing Point su Soft gp stiria passo gara

Daniel Ricciardo non ha potuto effettuare simulazioni dopo l’incidente al primo giro delle FP2, mentre Ocon ha effettuato uno stint su Soft con tempi paragonabili a quelli di McLaren e Racing Point. Il francese la scorsa domenica era partito più indietro e non si è agganciato al treno di centro gruppo, ma non sembra impossibile riuscirci in questa seconda gara.

gp stiria passo gara

Seguici su Instagram e Facebook   gp stiria passo gara

F1 | GP Stiria: sintesi delle prove libere 2

Francesco Ghiloni

Studente universitario e grande appassionato di motorsport, specialmente di endurance.