F1 | GP Stiria – Binotto: “Inutile puntare il dito contro i piloti, bisogna lavorare sulla competitività”

Non è stata di certo la gara che Ferrari sognava, con un doppio ritiro dovuto ad un errore di Leclerc, che si è subito scusato e ammesso la sua colpa. Il Team Principal ha nuovamente sottolineato il reale problema è la monoposto e non punta il dito con Charles, sebbene la colpa sia sua. Gp stiria binotto

gp stiria binotto
Mattia Binotto team principal Ferrari – Getty Images

Mattia Binotto è amareggiato per il disastro che ha costretto al ritiro i due piloti Ferrari Vettel e Leclerc dopo nemmeno un giro del GP di Stiria. GP stiria Binotto

“Che la colpa sia di Charles è ovvio, ma in questo momento non bisogna concentrarsi sul cercare colpevoli e puntare il dito, piuttosto lavorare uniti a Maranello per migliorare e non essere costretti a partire da metà griglia.

Binotto appena i due piloti sono rientrati dalla pista, si è fiondato a confrontarsi con Charles e Sebastian.

Ho parlato con entrambi, fra loro non c’è nessun problema. Charles si prende le sue colpe e Sebastian è molto dispiaciuto. A tutta la squadra dispiace per quanto accaduto e per essere stati costretti a finire la gara in questo modo.”

Il Team Principal ha poi dichiarato nuovamente, senza troppi giri di parole, che il reale problema di questa stagione è la non-competitività della SF1000.

In questa stagione che non siamo competitivi è un peccato non fare punti, è un rammarico non aver avuto la possibilità di testare gli aggiornamenti con la macchina sull’asciutto e in questa condizioni ottimali. Bisogna capire quali sono gli errori, per poter progredire e migliorare. Il problema della monoposto potrebbe essere di qualsiasi natura, per questo bisogna stare attenti a tutto.”

Seguici su Telegram, FacebookInstagram e Twitter

F1 | GP Stiria – La delusione a caldo di Vettel: “Non c’era spazio, per questo la collisione. Volevo fare una gara normale”

Simona D.

Studentessa di lingue appassionata di motori che spera, un giorno, di poter trasformare la sua passione nella sua professione.