F1 | GP Turchia – Analisi post gara Pirelli, Isola: “Abbiamo sconsigliato ai team di correre tutta la gara su un solo set di intermedie”

Valtteri Bottas ha trionfato a Istanbul, davanti a Verstappen e Perez, in una gara in cui le gomme intermedie hanno fatto da protagoniste. Vediamo qualche dato interessante del GP di Turchia con l’analisi Pirelli.

pirelli analisi gp turchia

Le gomme intermedie Cinturato verdi sono state le protagoniste, insieme a Bottas, del GP di Istanbul. Tutto quello che c’è da sapere sul GP di Turchia con l’analisi dei dati forniti da Pirelli.

I punti salienti della gara:

  • Il pilota della Mercedes Valtteri Bottas ha vinto il Gran Premio di Turchia partendo dal primo posto della griglia, sfruttando una strategia a una sosta su due set di mescole intermedie. La stessa strategia è stata adottata da quasi tutti i piloti. Bottas ha poi preso il comando della gara su Charles Leclerc a 11 giri dalla fine, con il pilota della Ferrari che è rimasto molto più a lungo sul suo set di intermedie con cui ha iniziato la gara.
  • Molti piloti hanno effettuato stint iniziali molto lunghi sulle gomme verdi, con la pista rimasta da bagnata a umida dall’inizio alla fine. Il pilota della Mercedes Lewis Hamilton si è fermato dopo 50 giri per montare un secondo set di intermedie, finendo quinto. Esteban Ocon dell’Alpine non si è mai fermato per il cambio gomme, chiudendo la gara al 10° posto.
  • Il ferrarista Carlos Sainz ha recuperato 11 posizioni con due stint sulle intermedie, passando dal 19° in griglia (dopo una penalità per cambio motore) all’ottavo. Lo spagnolo è stato eletto pilota della giornata per la sua grande rimonta e prestazione.
  • Le condizioni metereologiche sono state fresche con pioggia intermittente per tutta la gara, finendo con una temperatura dell’aria intorno ai 17 gradi centigradi e 19 gradi in pista.

Leggi anche: Analisi tecnica F1 | GP Turchia – Analisi delle strategie di gara


Le parole di Mario Isola, responsabile Pirelli F1 e Car Racing:

“Abbiamo avuto tempo bagnato dall’inizio alla fine del Gran Premio qui ad Istanbul. Tuttavia, non è stato necessario l’intervento delle full wet. Le intermedie sono state le protagoniste, mostrandosi adatte ai repentini cambiamenti del meteo e delle condizioni in pista. I piloti che hanno cambiato le gomme nelle fasi finali della gara hanno trovato una pista leggermente più asciutta, portando a un po’ più di graining. Chi si è fermato prima è riuscito a limitare il graining e questo è stato un vantaggio fondamentale sotto le condizioni di pioggia intermittente. Bottas ha eseguito la strategia perfetta in circostanze piuttosto impegnative: una sosta montando di nuovo le intermedie.

Molti altri piloti hanno posticipato il pit stop, anche perché non era chiaro fino a che punto la pista si sarebbe asciugata prima della fine della gara, magari rendendo possibile un ultimo giro con le gomme slick. Proseguire per tutta la gara su un solo set di intermedie però non era quello che avremmo consigliato, e infatti abbiamo avvisato alcune squadre del potenziale rischio di procedere in questo modo. Tuttavia, la prestazione delle intermedie è stata soddisfacente, senza che un solo pilota si ritirasse nonostante le condizioni scivolose della pista per tutti i 58 giri”.

Foto e dati Pirelli

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Simona D.

Studentessa di lingue appassionata di motori che spera, un giorno, di poter trasformare la sua passione nella sua professione.