F1 | GP Turchia – Anteprima Aston Martin, dolci ricordi per Stroll e Vettel: “Grip difficile da trovare, curva 8 una sfida”

Vettel e Stroll ricordano le dolci memorie del 2020, cercando la carica per il weekend: le parole dei piloti Aston Martin alla vigilia di Istanbul.

aston martin turchia
Fonte: @AstonMartinF1 Twitter

Il Circus torna sullo stretto del Bosforo per addentrarsi nell’ultima parte di mondiale, con la bagarre iridata tra Hamilton e Verstappen che, da incandescente, è destinata ad infiammarsi sempre più. Più indietro sulla griglia, Aston Martin arriva in Turchia da settima forza del lotto: in quel di Istanbul il team britannico tenterà di avvicinarsi al sesto scalino della graduatoria, occupato al momento da AlphaTauri.

I piloti della verde vettura inglese, Sebastian Vettel e Lance Stroll, possono ricordare i dolci eventi dell’anno passato. Nella tappa turca del 2020, il canadese – nell’allora rosa Racing Point – si rese protagonista il sabato, conquistando quella che sino ad ora rimane l’unica pole position in carriera. L’attuale compagno di box, ancora con il Cavallino cucito sul petto, fu autore di un’importante rimonta che lo portò ad agguantare il podio all’ultima chicane; un podio che rese meno amara una travagliata stagione.


Leggi anche: F1| Carlos Sainz: “Vorrei lottare contro Alonso per podi e vittorie nel 2022”


Con soddisfazione, Lance Stroll riporta alla memoria i momenti vissuti nel sabato turco del 2020: La mia prima esperienza ad Istanbul mi ha regalato uno dei momenti migliori della mia carriera“. Il canadese ricorda anche la crisi nella gara domenicale: “Fu una grande esperienza fino ai primi giri di GP. Quei momenti – continua l’ex Williams – testimoniano come la pista turca sia impegnativa.

Il grip può essere difficile da trovare, ma questo rende Istanbul una sfida continua”, prosegue il 22enne di Montréal. Stroll conclude: “Non vedo l’ora di scendere in pista e conquistare punti.”

Ad intervenire sull’imminente weekend in Turchia è anche Sebastian Vettel. Il 34enne di Heppenheim racconta: “Una delle sfide più gratificanti di questo circuito è quella di affrontare curva 8 in pieno. È una curva da percorrere a 260 km/h, piena di dossi e cieca in ingresso, è dunque sempre divertente”.

La mia gara dell’anno scorso mi è davvero piaciuta, me la sono goduta”, continua l’ex ferrarista. “Spingerò al massimo questo fine settimana per combattere duramente nel centrocampo”, conclude il #5 di Aston Martin alla vigilia del GP di Turchia.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.