F1 | GP Turchia – Anteprima Haas, Steiner: “Cercheremo di fare del nostro meglio per ottenere qualche punto”

La Haas arriva in Turchia dopo la prestazione deludente di Imola; il team principal Steiner però spera che, dando il massimo, il team possa ottenere qualche punto in quel di Istanbul.

haas steiner turchia
Credit: haasf1team.com

Il team Haas arriva in Turchia non al meglio: in Emilia Romagna la squadra americana non è andata oltre la P14 (con quindici vetture al traguardo) di Grosjean, ed il ritiro di Magnussen per problemi tecnici: alla vigilia del GP di Istanbul a parlare è stato Gunther Steiner.

Il team principal italiano ha dapprima parlato dell’ultimo fine settimana, soffermandosi sull’esperimento del weekend breve e sul ritiro di Magnussen.

“Da un punto di vista sportivo l’esperimento del weekend di due giorni direi che è funzionato. C’è stata più pressione su meccanici ed ingegneri, ma è andata bene. Ora bisogna vedere se funziona commercialmente”, ha detto Steiner.

Il boss della Haas ha poi confidato: “Può essere una soluzione. I membri del team hanno potuto godersi un giorno in più le proprie famiglie: questo potrebbe essere importante, pensando che avremo 23 gare l’anno prossimo“.

“Ripensando ad Imola, con il senno di poi è facile dire che avremmo dovuto sostituire il cambio a Kevin. La FIA però ci aveva negato di poter sostituire senza problemi la parte rotta del gearbox, così abbiamo scelto di tenerlo“.

“Se fossimo stati in una posizione migliore forse non avremmo fatto ritirare Magnussen, ma eravamo ultimi e il problema ci rallentava circa mezzo secondo a giro. Purtroppo è andata male, ha ammesso Steiner.

Le aspettative per il weekend turco

Dopodiché Steiner volge lo sguardo al weekend in Turchia, analizzando quella che potrebbe essere la gara di Istanbul per la Haas. Qui la F1 non corre dal 2011 e nel team solo Grosjean ha avuto esperienze in questo tracciato, anche se con la GP2.

“È come molte gare di quest’anno. Qui i piloti non hanno mai corso in Formula 1. Cercheremo di fare del nostro meglio e fino ad ora non siamo andati male“, ha detto l’italiano.

Imola, pista anch’essa nuova, non è andata bene per noi, ma attribuisco le cause alle circostanze. Altrimenti, credo sia eccitante andare in un posto nuovo, è un’ottima esperienza per i piloti”.

“Nella posizione in cui ci troviamo ora – conclude Steiner – cerchiamo solo di fare del nostro meglio e speriamo di conquistare qualche punto”.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | Dal Brasile: Interlagos avrebbe rinnovato fino al 2025, annuncio a breve?

 

 

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.