F1 | GP Turchia – Griglia di partenza: incredibile pole di Stroll, le Ferrari avanzano per le penalità inflitte alle McLaren

La pioggia ha regalato una qualifica clamorosa ad Istanbul. Lance Stroll ha beffato Max Verstappen ed il compagno Sergio Perez ed ha conquistato la prima pole della carriera. Indietro Mercedes e Ferrari. Griglia di partenza GP Turchia.

Griglia di partenza GP Turchia
Credit: twitter BWT Racing Point F1 Team

Già dalla giornata di venerdì, si era capito che il weekend turco sarebbe stato ricco di sorprese. Il tracciato dell’Istanbul Park, tornato nel mondiale dopo 9 anni ed appena riasfaltato, si era presentato totalmente privo di aderenza. Ad aggiungere imprevedibilità ci ha pensato la pioggia, cominciata a cadere già nella notte tra venerdì e sabato. Griglia di partenza GP Turchia.

Si è così arrivati ad una sessione di qualifica più che mai ricca di colpi di scena. Hanno giocato un fattore importante le gomme e gli assetti scelti dai vari di team. Ad interrompere la serie positiva della Mercedes ci ha pensato Lance Stroll con la Racing Point. E’ la prima pole position di un pilota canadese da 23 anni a questa parte: l’ultima l’aveva conquistata Jacques Villeneuve nel GP d’Europa del 1997 a Jerez. Una pole col brivido, poiché il canadese è stato investigato per non aver rispettato le bandiere gialle. Investigazione che si è per sua fortuna conclusa con un un nulla di fatto.

Beffato dunque Max Verstappen, sempre velocissimo per tutto il weekend e dato come grande favorito per la pole. L’olandese ha dominato anche la prima parte della terza e decisiva sessione di qualifiche, infliggendo distacchi pesanti a tutti. Ma negli ultimi minuti, quando la pista si è asciugata ed è passato alle gomme intermedie, l’olandese non ha trovato la stessa confidenza avuta con le gomme da bagnato pesante ed ha perso la pole.

La giornata trionfale della Racing Point è completata dal terzo posto di Sergio Perez. Ma dal volto del messicano traspariva delusione al termine delle qualifiche, perché proprio nell’ultimo giro lanciato ha trovato traffico ed ha perso l’occasione di conquistare la posizione al palo.

Nota di merito per Kimi Raikkonen ed Antonio Giovinazzi: i due piloti dell’Alfa Romeo hanno approfittato delle condizioni difficili per portare entrambe le vetture del Biscione in Q3 per la prima volta in questo 2020.

Passiamo adesso alle note dolenti di queste qualifiche e non si può non partire dalla Mercedes. Le frecce nere non si sono mai trovate a loro agio ad Istanbul fin dal venerdì, tant’è che non hanno ottenuto il miglior tempo in nessuna delle sessioni. La situazione è addirittura peggiorata con pista bagnata. Lewis Hamilton, solitamente mago della pioggia, è soltanto sesto a quasi 5 secondi dal tempo che è valso la pole! Addirittura nono Valtteri Bottas.

Male, malissimo anche la Ferrari. La rossa era apparsa molto competitiva nelle due sessioni asciutte del venerdì e con gli pneumatici intermedi al sabato mattina. Ma con le gomme da bagnato pesante i due piloti faticavano a tenere le loro vetture in strada e non è una novità negli ultimi anni. Dodicesimo tempo per Sebastian Vettel, che non batteva il compagno di squadra in qualifica dalla terza gara in Ungheria, mentre è soltanto quattordicesimo Charles Leclerc. I due alfieri del Cavallino sono poi saliti rispettivamente in undicesima e dodicesima posizione, grazie alla penalità combinata ad entrambe le McLaren.

La scuderia di Woking sembra aver perso un po’ la bussola con l’ultimo pacchetto di aggiornamenti. Al di là delle penalità, sia Lando Norris che Carlos Sainz hanno infatti mancato l’accesso al Q3.

La gara che scatterà quando in Italia saranno le 11:10 si preannuncia più emozionante che mai. Il meteo che sarà incerto anche domenica giocherà un ruolo determinante. Le vetture che hanno ottenuto i migliori tempi in qualifica e che hanno puntato su un assetto da bagnato saranno favorite in caso di pioggia. Viceversa, rischiano di soffrire in caso di gara asciutta. Chi spera in questo secondo caso sono naturalmente i due piloti della Ferrari, da cui ci si aspetta un recupero vista la competitività mostrata nelle libere.

Ma la rimonta la ci si aspetta soprattutto da Lewis Hamilton, che vorrà sicuramente disputare una gara da protagonista per conquistare il settimo titolo ed eguagliare Michael Schumacher.

GP Turchia – Griglia di partenza

Credit: F1inGenerale

S * Carlos Sainz penalizzato di 3 posizioni per impeding
R * Lando Norris penalizzato di 5 posizioni per non aver rispettato la bandiera gialla
M* George Russell partirà dal fondo della griglia per aver utilizzato elementi addizionali della power unit e penalizzato di 5 posizioni per non aver rispettato le bandiere gialle

 

F1 | I team favorevoli al format di due giorni per il weekend di gara

mm

Elia Aliberti

Classe 1994, studente di ingegneria meccanica. Appassionatosi alla Formula 1 ed al motorsport fin da tenera età, sulle orme dei trionfi di Schumacher e della Ferrari