F1 | GP Turchia – La lunga domenica delle Mercedes: Bottas vince, Hamilton giù dal podio

Nel GP di Turchia la Mercedes porta a casa un risultato dolce-amaro: Bottas mette a segno la sua decima vittoria in carriera, mentre una strategia rischiosa lascia Hamilton fuori dal podio.

GP Turchia Mercedes Bottas

È Valtteri Bottas il vincitore del GP di Turchia, guadagnando così punti importanti per la Mercedes nella lotta per il titolo. Hamilton rimane invece giù dal podio, dopo una strategia poco definita a causa delle condizioni meteo difficili. La scelta delle gomme infatti, è stata complessa data la pioggia leggera che ha disturbato tutta la gara.

Mentre Bottas ha scelto di fermarsi a venti giri dalla fine per montare gomme intermedie, Hamilton ha voluto rischiare. Il britannico infatti, ha tentato di arrivare fino alla fine senza fermarsi, ma a 7 giri dalla fine ha dovuto arrendersi ed effettuare un pit stop. Il muretto ha deciso di montare intermedie nuove anche ad Hamilton, ignorando così la sua richiesta di concludere la gara con le Soft. Il sette volte campione ha però faticato a portare le gomme alla giusta temperatura, concludendo così la sua gara al quinto posto.

Il bilancio di casa Mercedes in questo GP di Turchia non è quindi interamente positivo: la vittoria di Bottas porta punti importanti, ma il risultato di Hamilton lascia l’amaro in bocca. Il britannico si è comunque reso protagonista di una grande rimonta, essendo partito undicesimo a causa della penalità ricevuta.

Valtteri Bottas

“Oggi è stata probabilmente una delle migliori gare che abbia mai avuto, a parte quella piccola incertezza, tutto era sotto controllo. La macchina è stata fantastica per tutto il fine settimana e avevo grande fiducia. Non è facile scegliere la strategia da utilizzare con queste condizioni meteo, quando fermarsi, quale gomma scegliere e tutto il resto”.

Leggi Anche:

F1 | GP Turchia – Analisi post gara Pirelli, Isola: “Abbiamo sconsigliato ai team di correre tutta la gara su un solo set di intermedie”

“Sono contento però che per me sia andato tutto bene, ho dovuto mantenere la massima concentrazione per tutta la gara e quindi oggi è una vittoria meritata. È anche la mia prima vittoria dell’anno, il che mi fa sentire ancora più felice di averla portata a casa. Ho anche tolto punti importanti alla Red Bull, un risultato fantastico per me e per il team”.

Lewis Hamilton

“Oggi è stato frustrante, ma è andata così: è stato bello essere terzi e ho pensato che se fossi riuscito a resistere sarebbe stato un grande risultato dall’11° posto. Scegliere che strategia mettere in pratica in condizioni come quelle di oggi può essere difficile. Mi piace rischiare in pista ed essendo terzo, puntavo ad evitare la sosta quando tutti si sono fermati per montare le nuove Intermedie”.

“Il mio piano era sperare di poter avere l’opportunità di passare alle slick più tardi e guadagnare così posizioni. Poi la squadra mi ha richiamato e ho dovuto fare affidamento sulla squadra, bisogna accettare le scelte che fanno e sperare che siano quelle giuste. Nel complesso, la macchina è stata fantastica questo fine settimana e Valtteri ha fatto un ottimo lavoro. Se riusciremo a continuare così nelle prossime gare, manterremo una buona posizione fino alla fine della stagione”.

Toto Wolff

“Dominio assoluto di Valtteri oggi, dall’inizio alla fine. Ha avuto la gara completamente sotto controllo: non solo il suo passo, ma anche la sua gestione delle gomme è stata fantastica.

Per quanto riguarda Lewis, abbiamo dovuto prendere decisioni difficili durante la gara. Pensavamo di poter resistere con lui senza fermarci, e prendere il terzo posto. Oppure, se fosse apparsa una linea asciutta, l’avremmo fatto fermare per passare alla gomma Soft. L’equilibrio per noi, quindi, era tra rientrare ai box e lottare con Leclerc e Perez in pista per il terzo posto o, affrontando una scommessa calcolata, avere la possibilità di vincere la gara o finire terzi”.

“Mentre la gara procedeva, abbiamo visto il ritmo di Leclerc calare, seguito da Lewis e quindi abbiamo capito che non potevamo continuare fino alla fine. A quel punto, Lewis stava perdendo 1,5 secondi contro Gasly e Perez ed in poco tempo l’avrebbero superato, così ci siamo accontentati del quinto posto”.

“Sono contento delle decisioni che abbiamo preso: c’è sempre una visione assoluta e una visione relativa. La visione relativa è che nell’ultima gara, la Red Bull ha perso 7 punti per una penalità, mentre noi oggi ne abbiamo persi 8, quindi non è la fine del mondo. L’opinione assoluta è che oggi avremmo potuto portare a casa altri 3, 4 o 5 punti in più. Ma va bene così, il campionato è ancora aperto e la lotta continua”.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Desirée Palombelli

Classe 1999, aspirante giornalista. Studio Relazioni Internazionali a Roma e scrivo di Formula 1.