F1 | GP Turchia – Un errore del muretto Alfa costa punti a Giovinazzi

Gara turca che non ha portato punti per Giovinazzi per colpa dell’ennesimo errore del muretto box in casa Alfa Romeo.

Errore muretto Alfa Giovinazzi

Dopo una deludente qualifica nella giornata di sabato, con le due Alfa Romeo partite 16° e 17° grazie alle penalità di Sainz e Ricciardo, Giovinazzi e Räikkönen hanno disputato una buona gara in quel di Istanbul. Poteva però essere migliore visto il fatto che sono arrivati a ridosso della zona punti con l’italiano undicesimo, seguito dal compagno di squadra in dodicesima posizione.

In Alfa Romeo, però, si poteva tranquillamente raggiungere un risultato migliore e portare a casa almeno un punto con Antonio Giovinazzi. Nell’ultima parte di gara Räikkönen stava recuperando su Giovinazzi segnando ottimi parziali fino a raggiungerlo. A quel punto il box si apre via radio con Antonio chiedendogli di far passare Kimi. Il pilota italiano si rifiuta consapevole che stava solo gestendo il passo gara e poteva spingere di più.


Leggi anche: F1 | GP Turchia – Risultati Gara: Trionfa Bottas su Verstappen, l’audacia non ripaga Leclerc, Hamilton P5


Dopo il team radio Giovinazzi inizia ad alzare il ritmo tanto da recuperare 15 secondi a Ricciardo, crollato nelle fasi finali, superandolo al penultimo giro. A questo punto giunge alle spalle di Esteban Ocon ma non c’è più tempo per superarlo perché la gara è conclusa.

Tagliato il traguardo, il pilota italiano chiede via radio perché non gli avessero chiesto di spingere prima così da agguantare la zona punti. La risposta da parte del team però non c’è stata, segnale di un errore da parte del muretto.

In conclusione, il passo gara era sufficiente per arrivare in zona punti ma il muretto non è stato in grado di gestire la corsa di Antonio. Un altro errore per il quale il portacolori azzurro non ha potuto cogliere un punto importante anche per il morale in chiave futura visto la situazione rinnovo tutt’altro che facile.

Seguici anche sui social: Telegram – Instagram – Facebook – Twitter

Marco Cesaroni

Classe 2001 con la Formula 1 nel sangue