F1 | GP Ungheria – Alpine, Alonso: “Se la fortuna è con noi, eseguiamo gare vicine alla perfezione. Felice per Esteban”

Alpine può che dirsi soddisfatta: il team ha chiuso il GP d’Ungheria con la vittoria di Ocon e un solido quarto posto di Alonso. Il team deve tanto al fantastico gioco di squadra di cui si è reso protagonista lo spagnolo, che ha tenuto dietro un Hamilton molto più veloce.

Alonso e Ocon, GP d’Ungheria. Fonte: Motorsport.com.

Giornata strepitosa per Alpine che chiude il GP d’Ungheria sul gradino più alto del podio grazie alla performance di Ocon e con un solido quarto posto di Fernando Alonso.

Complice della vittoria del francese, non soltanto l’incidente scatenato da Bottas alla partenza. Il team deve tanto al meraviglioso gioco di squadra di cui si è reso protagonista Alonso.

Il pilota ha infatti difeso la gara di Esteban Ocon tenendo dietro un Lewis Hamilton che aveva molto più passo e che mirava alla vittoria.

Un muro, quello creato da Alonso tra Hamilton e il podio, che un bloccaggio dello stesso spagnolo ha distrutto al sessantacinquesimo giro.

A fine giornata, Fernando ha così commentato: “È stata una gara molto lunga, molto dura, e abbiamo lottato per tutto il tempo. La partenza è stata fondamentale – sono stato un po’ sfortunato e ho perso alcune posizioni, ma alcuni sono stati ancora più sfortunati di me.

L’inizio ha compromesso un po’ la nostra gara, tuttavia, la top five è il miglior risultato dell’anno per me finora e, vincere la gara, per la squadra è il miglior risultato di sempre.

L’Hungaroring, ricorda lo spagnolo, ha sempre riservato delle dolci sorprese. Il suo primo successo in Formula 1 ne è un esempio.

“Ora abbiamo una certa storia su questa pista! La mia prima vittoria è arrivata qui con la Renault nel 2003, ora Esteban ha vinto con Alpine nel 2021. Sono così felice per lui e per i ragazzi. A volte siamo stati sfortunati, ma oggi è stato uno dei giorni fortunati e dobbiamo massimizzare queste opportunità.

Possiamo eseguire gare vicine alla perfezione se la fortuna è con noi. Abbiamo avuto alti e bassi, ma ora possiamo guardare al futuro e ripetere il successo del passato. Queste spinte ci motivano e possiamo andare in pausa estiva con il sorriso sulle labbra”.

Ai microfoni di Sky Sport, Alonso infine non ha mancato di ricordare quanto sia stato importante giocare come una squadra: Ogni giro in cui Lewis restava dietro era oro. Ho cercato di fare il massimo, abbiamo lottato un pochino. Hamilton faceva dei piccoli errori, aveva però molto più passo di noi”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | GP Ungheria – UFFICIALE: Vettel squalificato, Sainz sale in P3