F1 | GP Ungheria – Analisi Pirelli: la strategia di Vettel gli ha permesso di sorpassare Leclerc e guadagnarsi il podio

Dopo dei fantastici duelli ruota a ruota, Lewis Hamilton si è aggiudicato la vittoria del GP d’Ungheria. Grazie alla giusta strategia il pilota Mercedes è riuscito a sorpassare Max Verstappen partito, per la prima volta nella sua carriera in F1, dalla pole position. A chiudere il podio Sebastian Vettel, che con gomme soft è riuscito a sorpassare il compagno di squadra Charles Leclerc. GP Ungheria analisi Pirelli

gp ungheria analisi pirelli

Lewis Hamilton ha dato ancora una volta la prova di non volersi accontentare di un misero secondo posto e ha recuperato 20 secondi di distacco da Verstappen in meno di 10 giri. Con i dati fornitici da Pirelli, analizziamo le strategie di questo emozionante Gran Premio. GP Ungheria analisi Pirelli

I punti salienti della gara:

  • Sia Verstappen che Hamilton sono partiti con quella che sembrava la stessa strategia medium-hard; il pilota Mercedes ha pittato sei giri più tardi rispetto a Max. Non essendo riuscito a sorpassare il pilota Red Bull, Mercedes lo ha di nuovo chiamato ai box per montare nuovamente le medium. Questo secondo pit stop ha permesso a Lewis di vincere la gara.
  • Dopo essere stato sorpassato da Hamilton, Verstappen ha fatto un ulteriore sosta per montare le soft. In questo modo è riuscito a fare il giro veloce e ottenere il punto extra.
  • Il pilota Ferrari Sebastian Vettel ha optato per una strategia diversa:un primo lungo stint sulle medie e lo stint finale, decisamente più breve, con le soft.
  • Tutti i piloti in top six sono partiti sulle medie; Carlos Sainz, partito dalla settima casella, aveva utilizzato le soft. Ha concluso la gara in quinta posizione grazie alla strategia ad una sola sosta soft-hard.
  • Sono state molteplici le strategie in gara: in top five sono state molto differenti l’una dall’altra.

GP Ungheria analisi Pirelli

Le parole di Mario Isola, responsabile Pirelli F1 e Car Racing:

“Questo GP è stato molto frenetico e le strategie molto diverse; ci siamo divertiti ad indovinare per che tipo di mescola avrebbero optato i piloti ogni volta che tornavano ai box! Mercedes ha osato molto nel richiamare una seconda volta Hamilton ai box per il pit stop, ma si è rivelata essere la decisione giusta. Nelle prove libere e in qualifica le condizioni meteo erano imprevedibili, perciò nessun team sapeva bene cosa aspettarsi dalle mescole e questo ha reso la gara più viva. Ciononostante tutti e tre i tipi di pneumatici hanno fatto delle ottime performance, contribuendo ad accendere le sfide tra i piloti.”

GP Ungheria analisi Pirelli

Foto e dati Pirelli

Seguici su Instagram

F1 | GP Ungheria – Toto Wolff: “Felicissimo per la vittoria di Lewis. Rinnovo di Bottas? Stiamo valutando anche Ocon…”

Simona D.

Studentessa di lingue appassionata di motori che spera, un giorno, di poter trasformare la sua passione nella sua professione.