F1 | GP Ungheria – Anteprima McLaren: “Questa pista ci farà capire il potenziale della macchina”

La McLaren, a sorpresa, arriva in Ungheria da seconda forza del Campionato. Lando Norris vuole continuare a stupire, mentre Sainz vuole riscattare la gara di domenica scorsa.

mclaren ungheria
mclaren.com

La McLaren si presenta in Ungheria da seconda forza del Mondiale. Se lo avessero detto due settimane fa, a Woking non ci avrebbe creduto nessuno. All’Hungaroring, tracciato completamente diverso dal Red Bull Ring, la scuderia inglese potrà capire le reali prestazione della vettura; e a quale obiettivo potranno puntare per il resto della stagione.

Lando Norris ha iniziato la stagione col botto. Un podio e un quinto posto con una super rimonta, e vuole confermarsi in Ungheria. Dall’altra parte Carlos Sainz vorrà riscattarsi dell’ultimo Gran Premio, avaro di soddisfazioni per lo spagnolo.

Carlos Sainz

Dopo il GP di Stiria con sentimenti contrastanti, con un sabato fantastico e una gara molto frustrante alla domenica, ho trascorso un altro paio di giorni in Austria allenandomi e ricaricando le batterie prima dell’ultimo Gran Premio di questa prima tripletta. Vado in Ungheria con la certezza di sapere che, nonostante il risultato dell’ultima gara, stiamo lavorando tutti nella giusta direzione in McLaren, e mi sento positivo dopo un promettente inizio di stagione”.

“L’Hungaroring, tuttavia, pone una sfida diversa a ciò che abbiamo affrontato nelle ultime due settimane in Austria, quindi dobbiamo essere preparati. Ho fatto una grande gara lì la scorsa stagione, finendo in P5 e, come sempre, cercherò di migliorarmi ancora.”

Lando Norris

Le ultime due gare in Austria sono state fantastiche per noi, e non vedo l’ora di tornare a correre in Ungheria. Dopo due settimane sullo stesso circuito, dobbiamo resettare e lavorare sodo per continuare a migliorarci, partendo da questi solidi risultati. Questa pista ha curve più lente, ed è molto più stretta che in Austria. Questa diversa conformazione del tracciato dovrebbe darci un nuovo feedback sulle reali prestazioni dell’auto.”

“Ho già guidato su questa pista alcune volte durante la mia carriera, incluso il mio primo test di F1 nel 2017, quindi ho dei bei ricordi su questo circuito. Spero che quell’esperienza mi aiuti a scendere in pista venerdì. Sappiamo che non basta andare bene soltanto in due gare nella stagione. È stato un ottimo inizio, ma ora dobbiamo cercare di mantenere il nostro slancio e lottare per ottenere i migliori risultati possibili.”

F1 | Sebastian Vettel: Aston Martin l’ultima speranza

Simone Frigerio

Vivo per scrivere, mi nutro di MotoGP e Formula 1