F1 | GP Ungheria- Anteprima Williams, Russell: “Una delle mie piste preferite”

Le caratteristiche del circuito del GP di Ungheria si adattano meglio alla Williams rispetto all’Austria. Questo è anche uno dei circuiti preferiti di Russell, che spera di replicare l’ottima prestazione in qualifica del GP di Stiria.

Ungheria Williams
Credits Williams Facebook

La Williams e il Circus della Formula 1, dopo le prime due gare del Campionato 2020 in Austria, si apprestano ad attraversare il confine per il Gran Premio di Ungheria all’Hungaroring di Budapest.

I piloti Williams non sono ancora andati a punti quest’anno. La prestazione di Russell nelle qualifiche del GP di Stiria fa ben sperare il team.

George Russell

Non vedo l’ora di correre in Ungheria. Penso che le caratteristiche del circuito si adattano alla nostra monoposto meglio dell’Austria. Abbiamo un po’ di lavoro da fare: il nostro ritmo di gara non era così forte come il nostro ritmo di qualifica, quindi dobbiamo capire perché. Tuttavia, l’Ungheria è una pista fantastica, è una delle mie preferite e sarà divertente guidare di nuovo in quel circuito”.

Nicholas Latifi

Non vedo l’ora di tornare a gareggiare. Personalmente, sono un fan delle gare back-to-back, soprattutto perché sono in un periodo di apprendimento. Posso crescere solo continuando a gareggiare. Anche se tre gare di seguito sono impegnative,  per me è l’ideale. Budapest non è una una delle mie preferite in calendario, ma ho avuto alcune delle mie migliori gare lì in passato, quindi non vedo l’ora di continuare questa tendenza. La pista è stretta e tortuosa con non un sacco di spazio per riposare, è molto impegnativo sia per il pilota, ma anche la macchina. Sarà importante trovare il giusto equilibrio. In questo circuito il team è stato abbastanza forte l’anno scorso, questo ci fa ben sperare”.

Dave Robson

Dopo due fine settimana nella campagna austriaca, ci siamo trasferiti 350 km a est della storica città di Budapest. La disposizione dei circuiti e le caratteristiche dell’Hungaroring sono tanto diverse dal Red Bull Ring quanto lo scenario tra Budapest e le montagne della Stiria. Il circuito qui richiede alti livelli di deportanza, eccellenti caratteristiche di guida e un bilanciamento della vettura che offre la precisione del conducente in una gamma di tipi di curva. Il sorpasso è difficile e di conseguenza si pone una maggiore enfasi sulle qualifiche”.

Anche se Pirelli porta la stessa selezione che aveva in entrambe le gare austriache, il comportamento potrebbe essere molto diverso qui, soprattutto se la pista è molto calda”.

L’anno scorso George ha ottenuto uno dei suoi migliori risultati in qualifica dell’anno. Questo è un circuito che gli piace ed eccelle. Anche Nicholas ha molta esperienza qui e sa come la monoposto abbia bisogno di adattarsi per soddisfare le particolari esigenze dell’Hungaroring”.

Le gare back to back in Austria ci hanno permesso di conoscere abbastanza rapidamente l’FW43 e di risolvere alcuni problemi minori che abbiamo scoperto una quindicina di giorni fa. Il nostro lavoro questo fine settimana è quello di applicare questa conoscenza a un nuovo circuito e di continuare a spingere ogni aspetto delle prestazioni della vettura”.

Seguici su Instagram

F1 | GP Ungheria – Anteprima Brembo: circuito tortuoso e mediamente impegnativo

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.