F1 | GP Ungheria – Perez: “Ero partito bene, è un duro colpo per il team”

Il GP d’Ungheria di Sergio Perez è praticamente finito alla prima curva. Il messicano è stata infatti una delle sfortunate vittime dello strike provocato da Valtteri Bottas. Perez GP Ungheria F1.

Credit: Motorsport

Il momento negativo di Sergio Perez prosegue anche all’Hungaroring. Il pilota proveniente dalla Racing Point ha avuto un ottimo impatto col mondo Red Bull, culminato poi con la bella vittoria di Baku. Un altro podio è poi arrivato in Francia, ma a quel punto qualcosa si è rotto. Perez GP Ungheria F1.

Tra Red Bull Ring e Silverstone è iniziata una serie di errori e soprattutto è sorta un’inaspettata mancanza di competitività nel confronto con il compagno di squadra. Anche all’Hungaroring, Perez non è mai stato all’altezza dei tempi di Verstappen in tutte le sessioni di prove, prendendosi poi oltre mezzo secondo in classifica.

In gara è stato poi una delle sfortunate vittime mietute da Valtteri Bottas alla prima staccata, proprio come Verstappen. Ma se l’olandese ha potuto proseguire la sua gara e tagliare il traguardo in decima posizione, diventata poi nona per la squalifica di Sebastian Vettel, Perez ha dovuto alzare immediatamente bandiera bianca. La sua RB16B era infatti irrimediabilmente danneggiata.

Si può dire che questa sosta calzi a pennello per la Red Bull, sia per il team che per entrambi i piloti. Dopo le due gare in Austria, i bibitari infatti sembravano lanciati verso la conquista dei due mondiali ed invece ora, soprattutto a causa di circostanze sfortunate, hanno dovuto subire il sorpasso della Mercedes in entrambe le classifiche. Per la scuderia anglo-austriaca sarà dunque l’occasione per analizzare cosa non abbia funzionato negli ultimi due appuntamenti e rimettersi così a caccia della Mercedes a Spa, quando la stagione riprenderà.

Sergio Perez

“Non so cosa dire, ma è incredibile essere colpiti così alla curva 1. E’ un duro colpo per noi come squadra. Sono partito bene ed ero terzo ed è un vero peccato perché penso che avevamo una buona opportunità in quelle condizioni, ma non c’era niente che potessi fare. Ho guardato i replay perché era difficile capire esattamente cosa fosse successo dietro di me;dall’interno dell’auto e sapevo solo di aver avuto una grande botta. Bottas ha commesso un grosso errore e ha frenato troppo tardi alla curva 1,;facendo fuori molte vetture, me compreso, e causando gravi danni alla macchina di Max. È venuto da me e si è scusato perché sapeva che era stato un suo errore e, sebbene non fosse stato fatto apposta ed è così che vanno le corse a volte, non fa differenza per il risultato per noi in questo momento poiché la grande quantità di danni ha posto fine alla nostra gara e all’opportunità di prendere punti”.

F1 | Vettel sotto investigazione per la maglia LGBT: “Ah sì? Squalificatemi!”

mm

Elia Aliberti

Classe 1994, studente di ingegneria meccanica. Appassionatosi alla Formula 1 ed al motorsport fin da tenera età, sulle orme dei trionfi di Schumacher e della Ferrari