F1 | GP Ungheria- Strategia gara Pirelli: una o due soste? Attenzione alle condizioni della pista

Il Gran Premio d’Ungheria di 70 giri è bilanciato tra una strategia a una sosta o a due soste, ma doppio pit stop è considerato il più veloce in gara da Pirelli.

Strategia Ungheria Pirelli
Fonte: Pirelli

Il Gran Premio d’Ungheria di 70 giri è bilanciato tra una strategia a una sosta o a due soste, ma il doppio pit stop è considerato il più veloce in gara da Pirelli. Molto dipenderà da due fattori: gomme di partenza e temperature. Chi parte con il pneumatico soft potrebbe preferire due pit stop. Ciò con una serie di opzioni che prevedono il passaggio al pneumatico medium per gli ultimi due stint o forse anche un run finale con pneumatico soft a la fine della gara. Questo soprattutto se c’è spazio per segnare un punto in più, facendo giro veloce. L’uso di tutti e tre le mescole è un’altra possibilità praticabile.

Tuttavia, con la famigerata difficoltà di sorpasso all’Hungaroring, la posizione in pista è fondamentale; quindi questo potrebbe incoraggiare più conducenti verso una sosta sola. Chi parte con la gomma media può sicuramente far funzionare questa strategia, passando alla gomma dura per il resto della gara. Ma è anche possibile da soft a dura, anche se più lento. Il tempo sarà probabilmente il fattore decisivo. Fino ad ora, ci sono state temperature record in pista e la pioggia prevista finora non si è materializzata sostanzialmente.


Leggi anche

F1 | GP Ungheria – qualifiche Ferrari, Sainz: “L’incidente non ci voleva, incrociamo le dita per il cambio”


Le parole di Isola

Le temperature della pista di oggi in qualifica sono state solo un po’ più fresche di ieri. Di conseguenza, sebbene la gomma morbida mantenesse un significativo vantaggio di velocità di quasi un secondo su un giro, preparare con cura il giro secco era importante per evitare il surriscaldamento. I piloti che partono con la gomma media hanno più flessibilità, il che potrebbe portare loro un vantaggio, ma sulla carta due soste son leggermente più veloci di una, il che significa che i piloti che partono con la morbida hanno tutte le possibilità di fare qualcosa diverso – con una vasta gamma di opzioni tattiche disponibili. Mercedes e Red Bull hanno adottato un approccio molto diverso, quindi sarà affascinante vedere come si svilupperà questa battaglia dalla prima e dalla seconda fila della griglia”.Strategia Ungheria Pirelli

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Alessia Malacalza

Classe 2000, aspiro a lavorare nel mondo dello sport. Studio Comunicazione d'impresa e relazioni pubbliche a Milano.