F1 | Gp Ungheria – Le Williams ancora in difficoltà, ma la vettura è migliorata

Nonostante l’ennesimo Gran Premio complicato per le due Williams, che hanno tagliato il traguardo in 16° e 17° posizione, il team è;comunque parso soddisfatto delle prestazioni della vettura e confida nello sviluppo per la seconda parte di stagione. Ungheria Williams

Ungheria Williams
Foto: Sergey Sirotkin

Un’altra gara difficile per Stroll e Sirotkin: le curve ad alto carico aerodinamico dell’Hungaroring hanno messo in forte difficoltà le vetture del team inglese, dimostrandosi ancora una volta la squadra che meno riesce a generare deportanza in percorrenza di curva.
Nonostante il tracciato ostico, Stroll era;riuscito comunque ad entrare miracolosamente in Q2 sotto la pioggia, mostrando buone qualità su pista bagnata, ma la rottura dell’ala anteriore nella seconda sessione e la mancanza di pezzi;di ricambio di quella specifica hanno obbligato il pilota canadese a partire dalla pit-lane, perdendo così l’occasione di scattare un po’ più avanti rispetto alla media stagionale della Williams

Le parole del team

Malgrado l’ennesimo risultato a secco di;punti, il team, e in particolare Sirotkin, è sembrato soddisfatto del comportamento della Williams rispetto a quelle che erano le prestazioni di inizio stagione e confida nel potenziale, ancora inespresso, della FW41, nella speranza che i tecnici riescano;a sprigionarlo nella seconda parte di stagione:

Penso che possiamo essere soddisfatti di come abbiamo concluso la prima metà di stagione – ha dichiarato Sirotkin nel post gara– ovviamente non è così;evidente dai risultati, ma guardando a come eravamo ad inizio stagione possiamo essere contenti di come siamo andati oggi. C’è ancora un buon;margine di miglioramento che analizzeremo durante la pausa estiva. Però si possono trarre buone conclusioni già da questa gara.”


Meno soddisfatto è parso Stroll, che avendo dovuto montare per la gara la vecchia specifica di ala anteriore, non;ha potuto verificare, come Sirotkin, i miglioramenti della propria vettura: ” ieri è stato bello entrare in Q2, ma poi non è andato come volevamo e;siamo dovuti partire dalla pit-lane. Abbiamo messo la vecchia ala anteriore che non usavamo da un paio di gare ora, ho sentito la;perdita di prestazioni e la vettura non collaborava così come quando utilizzavo l’ala anteriore nuova. In gara abbiamo adottato una strategia diversa rispetto a Sirotkin montando gomme da qualifica a fine gara, ma i giri non sono bastati per rimontare.

Anche Paddy Lowe si è dichiarato soddisfatto del lavoro del proprio team e dei meccanici, che nel corso della gara hanno anche effettuato il pit-stop più veloce, montando nuovi pneumatici sulla vettura di Sirotkin in soli 2.10 secondi:il team ha fatto un buon lavoro, ha eseguito dei pit-stop ottimi e la gara è stata ben controllata, sappiamo che il nostro problema è il ritmo ed è su quello che ci concentreremo. Ora ci riposeremo dopo questa prima metà di stagione e torneremo pronti per la prossima sfida in Belgio.”

foto: twitter Williams

 

F1 | Test F1 Ungheria – Magnussen: “Giusto non partecipare ai test”

Davide Galli

Studente di giurisprudenza e appassionatissimo fin dall’infanzia di Formula 1. Amo qualunque cosa faccia "bruum"