F1 | GP USA- Horner: “Negli ultimi giri ho rischiato l’infarto a causa di Mick”

Christian Horner ha raccontato come ha vissuto gli ultimi giri del GP degli USA, vinto da Max Verstappen che ha tenuto dietro il diretto avversario al titolo, Lewis Hamilton. Negli ultimi giri Mick Schumacher ha quasi giocato un ruolo importante: non ha lasciato passare subito Verstappen, Hamilton si stava avvicinando. Grazie al DRS, Mick ha permesso a Verstappen di guadagnare il vantaggio sull’inglese.

Horner USA
credits Getty images

Alla partenza del GP degli USA, Hamilton ha superato il poleman, Max Verstappen, prendendo il comando della gara in curva 1. Verstappen è riuscito a guadagnare la testa della corsa grazie alla strategia della Red Bull, che ha permesso l’undercut.

Entrambi i piloti avevano scelto la strategia a due soste, Hamilton ha allungato il secondo stint per avere un vantaggio sulle gomme per l’ultimo stint. Hamilton non è stato in grado di avvicinarsi abbastanza da tentare un passaggio sul suo rivale per il titolo.

Verstappen ha vinto la gara, allungando di 12 punti il suo vantaggio su Hamilton nella classifica piloti.

Il pilota olandese ha dato l’impressione di aver tutto sotto controllo, anche se non sono mancanti momenti di tensione in pista. A causa di una distrazione, Mick Schumacher non si è accorto delle bandiere blu e ha tenuto dietro Max Verstappen, che ha perso qualche decimo, permettendo a Hamilton di avvicinarsi pericolosamente.

Per Horner i giri finali sono stati davvero stressanti, il Team Principal della Red Bull ha raccontato: “Mick all’ultimo giro ci ha fatto perdere tempo, ci ha anche dato il DRS, ma mi ha quasi provocato anche un infarto“, ha detto Horner a Sky F1.

Penso di essere invecchiato circa 25 anni in quella gara. Non pensavo davvero che alla fine avremmo potuto resistere perché era uno stint così lungo ed eravamo senza gomme. Max ha preservato le gomme, ma ha continuato a essere veloce, si è meritato vittoria oggi”.

La Red Bull è stata molto felice per la conquista della pole al Circuit of The Americas, ponendo fine al dominio della Mercedes nelle qualifiche su questo tracciato.

Contano tutti, ogni singolo punto”, ha dichiarato Horner. Ma è importante per noi battere la Mercedes qui, ottenere la pole, ottenere quella vittoria contro Lewis qui, che sappiamo essere un pilota fenomenale da queste parti. Questa è una grande vittoria per noi“.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Victoria L.

Lavoro come account in una web agency. Appassionata di Formula 1 e tifosa della Ferrari da quando vidi il Gran Premio di Jerez del 1997.