F1 | GP USA – Sauber: un’America agrodolce.

Un Gran Premio d’America agrodolce per l’Alfa Romeo Sauber. Alla vigilia di questa gara l’obiettivo del team era conquistare altri punti iridati per vincere la lotta in classifica costruttori con la Toro Rosso; un obiettivo che si è reso più complicato da raggiungere a causa del contatto di Charles Leclerc con Grosjean che l’ha costretto al ritiro. GP USA Alfa Sauber

Foto Alfa Romeo Sauber

Il percorso di crescita avuto dal team Alfa Romeo Sauber in questa stagione, grazie anche alla forte collaborazione con la Ferrari, ha aumentato di molto le aspettative sui risultati da ottenere di gara in gara. Dopo l’exploit raggiunto da Charles Leclerc a Baku, quarta gara mondiale, la q3 in qualifica è diventata una costante così come la conquista di punti iridati ottenendo ottimi piazzamenti. 

Il progresso aerodinamico e meccanico svolto dall’Alfa Sauber è un continuo evolversi e un continuo aggiornamento di pista in pista, così come la Power Unit 2018 Ferrari rappresenta un ulteriore merito. Quindi, visti i risultati ottenuti fino ad ora,;non era affatto impensabile alla vigilia di questo Gran Premio d’America sperare di poter andare con entrambi i piloti a punti.

La lotta per l’ottava posizione nella Classifica Costruttori con la Toro Rosso è sempre più agguerrita: con ormai tre gare al termine, soltanto quattro punti a separare le due squadre.

Tuttavia, l’America si è dimostrata più dura per Charles Leclerc: qualificatosi nono, c’erano tutti i presupposti per far bene. E invece è rimasto vittima di un errore in frenata di Romain Grosjean che l’ha colpito in pieno al primo giro. Fermata al box, cambio di muso e di gomme non sono serviti a niente a causa del grande danno subito dalla monoposto.

Foto: Formula 1

Ciò ha costretto il monegasco ad un altro ritiro: “È frustrante finire la gara in questo modo. Era chiaro che il potenziale era lì per ottenere un buon risultato, soprattutto dopo l’avvio dalla P9 di oggi. Dopo l’incidente del primo giro, la vettura è stata troppo danneggiata per estrarre abbastanza prestazione per permetterci di essere abbastanza competitivi al fine di correre correttamente, anche dopo aver cambiato il naso e le gomme subito dopo che è successo.”

Alla fine, ho dovuto ritirarmi presto dalla gara, il che è un peccato. La nostra prestazione è stata forte questo fine settimana, e porteremo con                                                                            noi in Messico e ci costruiremo su di essa “.

Foto: Sauber F1 Team

Gara consistente invece per Marcuss Ericsson: partito dalla diciassettesima posizione, ha lottato al centro gruppo e gestito bene gli pneumatici concludendo in dodicesima posizione. Dopo la bandiera a scacchi, a causa della squalifica di Ocon e Magnussen, si è classificato decimo conquistando un punto: È stata una gara decente per me. È stato difficile iniziare con la mescola più dura, il che ha reso più difficile sfidare i miei concorrenti. Tuttavia, sono stato in grado di risalire passo dopo passo, il che è stato un buon tentativo.”

Tuttavia, l’obiettivo è di ottenere punti, quindi non sono pienamente soddisfatto del risultato originale, che era P12. La nostra performance questo fine settimana è stata solida e non vedo l’ora che arrivi la prossima opportunità a Città del Messico. “

Esaustivi i commenti del team principal, Frédéric Vasseur: “E ‘stata un’altra gara difficile per Charles. Ha avuto una grande partenza e ha combattuto bene per le posizioni. Sfortunatamente, è stato coinvolto in un incidente nel primo giro ed è stato colpito da un concorrente,;che ha danneggiato la sua auto. E’ venuto ai box per un cambio di gomme e aveva un nuovo naso montato sulla sua auto,;tuttavia, ha dovuto ritirarsi dalla gara a causa del danno rimanente sulla sua monoposto.”

“Marcus ha fatto una buona gara. Dopo una dura qualifica, ha iniziato dal basso del centro gruppo. Ha fatto una solida prestazione e si è fatto strada tra i ranghi, finendo infine in P12;(la posizione è stata promossa a P10 dopo la gara a causa della squalifica di altri due piloti). Il ritmo era lì ed entrambi i piloti hanno sfruttato al meglio le loro situazioni difficili. Ci dirigiamo verso il Messico, sentendoci positivi e lotteremo per buoni risultati il ​​prossimo fine settimana.

F1 | GP USA – Renault: il miglior risultato della stagione

F1 | GP USA – Sauber: un’America agrodolce.
Lascia un voto
mm

Mariangela Picillo

Studentessa di ingegneria meccanica, amo la velocità e il rosso dall'età di 3 anni. Da grande vorrei fare del motorsport la mia vita quotidiana.