F1 | GP USA – Sintesi qualifiche: Verstappen beffa Hamilton e conquista la pole

Sul circuito texano è Max Verstappen a conquistare la pole position! Emozionante qualifica che ha visto ancora una volta la gran lotta tra l’olandese ed Hamilton, con il primo dei due a spuntarla. Perez terzo. Leclerc scatterà dalla quarta posizione per la penalità di Bottas. GP USA Qualifiche

Q1

Si accende il semaforo verde, cominciano le qualifiche del GP degli USA. Subito tante vetture in pista, con le due Haas che guidano il gruppone. E’, infatti, Nikita Mazepin a segnare il primo tempo. Il russo si fa scavalcare dal compagno Shumacher e da Stroll. Arrivano poi Leclerc e Verstappen che alzano di tanto l’asticella: 1:35.281 per il ferrarista, 7 decimi più lento del leader del mondiale. Perez si inserisce tra i due e sigla l’1-2 Red Bull. Anche i due piloti Mercedes concludono il loro giro, con Bottas ed Hamilton che si portano rispettivamente in terza e quarta posizione. E’ il turno dei due piloti McLaren: giro veloce per Daniel Ricciardo che si mette davanti a tutti, terzo Norris. Quarto Sainz, ad un decimo e mezzo dal tempo dell’australiano; sono tutti vicini.

Verstappen migliora il suo tempo, quel che basta per rimettersi in prima posizione con il suo 1:34.352. Anche il suo compagno Perez si migliora per salire in seconda posizione e siglare nuovamente l’1-2. Da segnalare l’ottimo 12° tempo di Giovinazzi. 3 minuti al termine della Q1 ed i piloti rientrano in pista, ad eccezione dei primi 5. Bandiera a scacchi esposta mentre i piloti si apprestano a completare il loro ultimo tentativo. Non si migliora Bottas, scavalcato da Hamilton. Si accende di colpo Leclerc che, con un 1:34.153, piazza la sua SF21 davanti a tutti. Si migliorano Russell, Ocon ed Alonso, i quali fanno scalare vertiginosamente Giovinazzi in quindicesima posizione. Tuttavia il pilota italiano riesce a salvarsi, dopo aver causato una bandiera gialla per un testacoda in uscita di curva 1. Questi i piloti eliminati nel Q1:


Leggi anche: Analisi tecnica F1 | Mercedes notevolmente migliorata sul dritto. Ecco il segreto


Q2

Semaforo verde, si riparte per questi 15 minuti di Q2. I due Mercedes subito in pista con gomma media, così come Leclerc, Verstappen e le due McLaren. Sainz e Perez, invece, montano gomma soft. Le due vetture col marchio a stella sono le prime a far segnare un tempo, con Hamilton che precede Bottas. Verstappen mette entrambi d’accordo, rifilando loro oltre 3 decimi. Fantastici Norris e Leclerc, i quali si inseriscono nel panino Mercedes per occupare la terza e quarta posizione. Sainz, Gasly, Ocon, Tsunoda e Alonso completano, al momento, la top10, mentre i tempi di tutti gli altri sono stati cancellati per i track limits.

A tre minuti e mezzo dal termine della Q2 i piloti escono nuovamente dalla pit-lane. Perez, con gomma media, si porta in settima posizione, con un crono che non gli permette di star tranquillo. Ricciardo nono, anche lui non in una situazione tranquilla. Giovinazzi sale in P12, mentre Ocon resta in P10. Tsunoda, con un colpo di reni, esclude il pilota francese ed accede al Q3. Nel mentre Sainz non si è migliorato con gomma media, e quindi domani partirà con gomma soft. Questi i piloti esclusi nel Q2:

Q3

Ci siamo. Semaforo verde, ultimi 12 minuti di queste qualifiche del GP degli USA per stabilire chi domani partirà dalla pole position. Sono di nuovo le due Mercedes ad uscire per primi, seguono alternatamente le due McLaren e le due Alpha Tauri. Ci sono poi le due Ferrari e le due Red Bull a chiudere il gruppo. Hamilton chiude il suo giro in 1:33.564, ma Bottas lo migliora di 89 millesimi. Le due McLaren si portano in terza e quarta posizione, ma poco dopo sono le due Ferrari ad insidiarsi alle spalle delle Mercedes, con Sainz davanti a Leclerc. Invece le due Red Bull alzano l’asticella ma, a sorpresa, è Perez ad effettuare il giro più veloce. Al momento è una prima fila tutta Red Bull, seguono le due Mercedes, le due Ferrari, le due McLaren e le due Alpha Tauri.

3 minuti e mezzo al termine delle qualifiche e, a rompere il ghiaccio, sono ancora una volta le Mercedes. Le Red Bull sono, invece, i fanalini di coda. Arriva sul traguardo Bottas che non si migliora. Si migliora invece Hamilton, il quale si mette davanti a tutti. Ricciardo e Norris in sesta e settima posizione, mentre Sainz si migliora ma resta in quinta posizione. Arriva Leclerc, il quale li scavalca tutti e tre. Arriva poi Max Verstappen per conquistare la pole position! 1:32.910 per l’olandese che domani scatterà davanti a tutti. Perez terzo. Questa la classifica delle qualifiche del GP degli USA:Image

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Michele Guacci

Classe 2003, studente ed appassionato di F1 sin dall'infanzia.