F1 | GP USA – Venerdì di Austin positivo per Mercedes: “Possiamo migliorare ancora”

Un venerdì positivo quello del GP USA per Mercedes con entrambi i piloti in grado di occupare le prime posizioni nelle libere di Austin. Sia Hamilton che Bottas concordano sulla possibilità di fare un ulteriore step in avanti.

gp usa austin mercedes
Foto: mercedesf1

Un venerdì positivo quello del GP USA per Mercedes con entrambi i piloti in grado di occupare le prime posizioni nelle due sessioni di libere ad Austin. Nelle FP1 Valtteri Bottas ha preceduto di pochi millesimi il suo compagno di squadra con il miglior tempo fatto registrare in 1:34.874. Nella seconda sessione Lewis Hamilton ha chiuso in terza posizione con Bottas subito dietro.

Il finlandese dovrà scontare altre cinque posizioni di penalità in griglia dopo aver cambiato nuovamente l’ICE della sua monoposto. Nonostante ciò il futuro pilota Alfa Romeo si dice fiducioso per il prosieguo del weekend. “Credo che la macchina abbia dato buone risposte fino ad ora. Nonostante la penalità so che possiamo fare una buona gara. Dalla giornata di oggi è emerso che le monoposto lì davanti sono molto vicine”.

L’obiettivo per il sabato di Austin è quello di cercare di migliorare il passo gara soprattutto in vista del Gran Premio. Per me la cosa principale era focalizzarmi sul passo gara, soprattutto nelle FP2. Abbiamo ancora del lavoro da fare in termini di set up visto che in alcune zone c’era poco grip. Analizzeremo i dati per cercare di trovare delle soluzioni che possano funzionare visto che sarò costretto a dover sorpassare delle vetture in gara e voglio lottare per il podio o la vittoria”, ha concluso Bottas.


Leggi anche: F1 | Risultati sondaggio Formula 1: Verstappen supera Hamilton come pilota preferito dai fan


Stesse analisi fatte anche da Lewis Hamilton. Per il pilota britannico vincere ad Austin è fondamentale per poter restare attaccato a Max Verstappen in classifica. “Tutto sommato è stato un venerdì positivo. La prima sessione è andata molto bene poi abbiamo provato a cambiare qualcosa ma non ero contento. Il passo non è male anche se possiamo comunque migliorare. L’asfalto è cambiato e sarà importante tenere le gomme nella giusta finestra di temperature per contrastare il degrado”.

Secondo Andrew Shovlin il caldo potrebbe rappresentare un problema per la W12. “Nella seconda sessione non siamo andati così bene come nella prima. Probabilmente soffriamo un po’ le alte temperature mentre gli altri sembrano trovarsi più a loro agio. Abbiamo alcune cose su cui lavorare in vista della qualifica ma Red Bull ha dimostrato di poter lottare per la pole position”.

Seguici anche su Instagram