F1 | Guerra Wolff-Horner? Hamilton e Verstappen se la ridono: “Mettiamoli in un ring”

Lewis Hamilton e Max Verstappen hanno ironizzato sulle continue frecciatine tra Toto Wolff e Christian Horner sulla regolarità delle ali posteriori e anteriori: “Mettiamoli in un ring”.

Horner Wolff ring
© Copyright: FIA Pool Image

Un botta e risposta che dura da diversi fine settimana che sembra non placarsi, anzi. Nel weekend del GP di Baku è entrata ancor più nel vivo la questione legata alla flessibilità dell’ala anteriore e posteriore. Horner Wolff ring

Tutto è iniziato con i dubbi di Wolff sull’ala posteriore della Red Bull, passando per la risposta di Horner che accusa Wolff in persona. Infine, il Team Principal della Mercedes che risponde nuovamente a tono al Team Principal Red Bull. A stemperare la tensione ci pensa chi sarà in pista ad avere la meglio e battagliare, ovvero i due piloti: Lewis Hamilton e Max Verstappen.

F1 | Focus sulle ali anteriori flessibili: boomerang Mercedes

Nella conferenza stampa che segue alle qualifiche, ai due piloti è stato chiesto un parere riguardo queste frecciatine tra i due Team Principal.

“Dovremmo metterli in un ring.” ha esordito Hamilton.

“Sì, ma credo che il peso sia un po’ un problema. Il peso, la portata…” ha risposto Verstappen.

“Il peso è lo stesso, giusto una differenza in altezza.” conferma Hamilton.

“In ogni caso sono a favore del ring, anche in Formula 1 al posto delle penalità!” conclude Verstappen.

F1 | GP Baku – Ala posteriore Red Bull flette come Mercedes

Commentando la situazione in maniera più seria, il pilota olandese ha dichiarato: “È la Formula 1, c’è una grande posta in gioco, quindi tutti vogliono vincere, tutti sono competitivi, quindi immagino che sia solo una cosa naturale ed è anche bello da leggere per le persone, giusto? Un po’ di fuoco”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche l’epta-campione del mondo: “Sì, penso che abbiamo naturalmente… naturalmente, sono i due leader delle due migliori squadre. Entrambi hanno contribuito enormemente al successo di entrambe le squadre e ovviamente sono testa a testa perché siamo testa a testa in questa battaglia serrata. In genere ci piace parlare in pista, quindi semplicemente teniamo la testa bassa”.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.