A TCCalendario F1Formula 1

F1 | Guida al mondiale 2024 – Calendario, piloti, team e tutto quello che c’è da sapere sulla nuova stagione

Ci siamo! Il mondiale 2024 di F1 è ormai alle porte: ecco il calendario e i piloti che prenderanno parte alla nuova stagione, che inizierà nel deserto del Bahrain.

Tutto è pronto in Bahrain per l’inizio della nuova stagione. Nel 2024, i piloti e i team dovranno affrontare il calendario di F1 più lungo di sempre, composto da ben 24 gare. Andiamo a scoprire i 20 protagonisti che vedremo impegnati sui circuiti più famosi del mondo.

Piloti e Team

Per quanto concerne i piloti, in verità, non è presente alcuna novità rispetto al 2023. Infatti, per la prima volta nella storia, esattamente gli stessi che hanno concluso la stagione precedente si presenteranno ai nastri di partenza nella gara di apertura del nuovo anno.

classifica test bahrain 2024
Max Verstappen alla guida della Red Bull RB20. L’olandese parte ancora con i favori del pronostico – Credits: Oracle Red Bull Racing su X

In ogni caso, tutti andranno ancora a caccia di Max Verstappen. L’olandese ha fatto suoi gli ultimi tre mondiali e anche il 2024 comincia con tutti i pronostici a suo favore. Il suo 2023 è stato davvero da capogiro, con 19 vittorie su 22 gare. Inoltre, la nuova Red Bull ha impressionato tutti durante i test prestagionali.

Recuperare l’intero gap in un solo inverno sembra impresa quasi impossibile per gli avversari. Ferrari e Mercedes hanno risposto presente durante i test, ma non sembra ancora abbastanza per impensierire la RB20. Le due SF-24 hanno comunque fatto segnare i migliori tempi durante i test, con Carlos Sainz davanti a Charles Leclerc. Alla sua ultima stagione a Maranello, lo spagnolo vorrà sicuramente ben figurare, anche per guadagnarsi il sedile migliore possibile per il 2025 e gli anni futuri.

Anche Lewis Hamilton inizierà in Bahrain la sua last dance con la Mercedes e punterà quantomeno a tornare sul gradino più alto del podio prima di lasciare Brackley. Il successo di tappa gli manca addirittura da quasi due anni.


Leggi anche: F1 | UFFICIALE: Red Bull emette il verdetto definitivo sullo scandalo Horner


La McLaren parte forse un gradino più sotto. La nuova MCL38 ha riscontrato qualche problema di affidabilità di troppo durante i test. La scuderia di Woking possiede comunque delle buone certezze derivanti dal grande recupero messo in atto nella seconda parte del 2023. Lando Norris e Oscar Piastri andranno così a caccia del loro primo successo.

L’altra scuderia di vertice, l’Aston Martin, non ha invece impressionato troppo durante le prove prestagionali di Sakhir. La vita per Fernando Alonso potrebbe essere leggermente più complessa rispetto a 12 mesi fa. Inoltre, nel giro di poche gare, lo spagnolo dovrà prendere una decisione sul suo futuro, come ammesso da lui stesso. Tre le possibili strade: continuare ancora con Aston Martin, cambiare team, oppure decidere di smettere.

Le novità per il 2024, invece, riguardano maggiormente i team. La partnership fra la Sauber e l’Alfa Romeo si è infatti conclusa dopo sei stagioni, con il Biscione che ha momentaneamente abbandonato la Formula 1. La scuderia svizzera prosegue così nel suo periodo di transizione che la porterà a diventare Audi nel 2026.

La scuderia svizzera ha aperto una nuova strada. Stake e Kick, infatti, non saranno soltanto i due sponsor principali, ma parte integrante del nome del team. La neonata Racing Bulls Visa Cash App RB, nuova denominazione dello storico team di Faenza, ha optato per la medesima soluzione.

F1 calendario piloti 2024

Credits: F1inGenerale

Calendario 2024: la stagione di F1 più lunga di sempre

Il calendario 2024 sarà formato dagli stessi 24 circuiti che costituivano il programma inziale del 2023. Nella passata stagione, sono poi saltati i GP di Cina ed Emilia Romagna e il numero sceso a quota 22. L’appuntamento di Shanghai venne cancellato per la quarta volta consecutiva, ma il 2024 sarà finalmente la volta buona. Il colosso orientale tornerà così ad ospitare la categoria regina per la prima volta dal 2019.

Per ben tre volte, le cinque luci rosse si spegneranno al sabato, a partire dai primi due round in Bahrain e Arabia Saudita, anticipati di un giorno per rispettare l’inizio del Ramadan. L’altra gara che si disputerà al sabato sarà invece quella di Las Vegas, ma questa non rappresenta una novità in quanto ciò è già accaduto nel 2023.

I principali cambiamenti riguarderanno soprattutto la ricollocazione di alcuni gran premi, attuata con l’obiettivo di ottenere una miglior divisione per regioni e favorire la logistica. Il calendario così fitto ha infatti reso piuttosto cariche di impegni le vite degli uomini del personale dei team.

Il GP del Giappone, storico appuntamento di fine stagione, è stato posto come quarto round, mentre la corsa sul cittadino Baku è stata posticipata nella seconda parte. Oltre alla classica pausa estiva di un mese, è stato inserito un ulteriore gap di quattro settimane tra Singapore e Austin, primo appuntamento dell’ormai classico ciclo americano sul finire della stagione.

La Sprint sarà protagonista in sei appuntamenti e i weekend interessati saranno Cina, Miami, Austria, USA, Brasile e Qatar. Inoltre, il format dei weekend con la gara breve è stato rivisitato.

Con Imola e Monza, l’Italia sarà l’unico Paese ad ospitare più una gara sul proprio territorio, fatta naturalmente eccezione per gli Stai Uniti. Con Miami, Austin e Las Vegas, la F1 farà tappa sul suolo americano per ben tre volte.

  • Bahrain (Sakhir) – 2 marzo
  • Arabia Saudita (Gedda) – 9 marzo
  • Australia (Melbourne) – 24 marzo
  • Giappone (Suzuka) – 7 aprile
  • Cina (Shanghai) – 21 aprile
  • Miami – 5 maggio
  • Emilia Romagna (Imola) – 19 maggio
  • Monaco (Monte Carlo) – 26 maggio
  • Canada (Montreal) – 9 giugno
  • Spagna (Barcellona) – 23 giugno
  • Austria (Red Bull Ring) – 30 giugno
  • Gran Bretagna (Silverstone) – 7 luglio
  • Ungheria (Hungaroring) – 21 luglio
  • Belgio (Spa-Francorchamps) – 28 luglio
  • Olanda (Zandvoort) – 25 agosto
  • Italia (Monza) – 1 settembre
  • Azerbaigian (Baku) – 15 settembre
  • Singapore (Marina Bay) – 22 settembre
  • USA (Austin) – 20 ottobre
  • Messico (Città del Messico) – 27 ottobre
  • Brasile (Interlagos) – 3 novembre
  • Las Vegas – 23 novembre
  • Qatar (Losail) – 1 dicembre
  • Abu Dhabi (Yas Marina) – 8 dicembre
F1 calendario piloti 2024
Il calendario 2024 di F1 è composto da ben 24 gare: i piloti affronteranno la stagione più lunga di sempre – Credits: F1inGenerale

[Credits immagine di copertina: XPB Images / RaceFans]


Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter