F1 | Haas non svilupperà la monoposto nel 2021, Steiner: “Concentrati per tornare competitivi nel 2022”

Il 2021 per il team Haas sarà un anno di transizione: lo conferma Gunther Steiner, che vuole concentrare le forze sul 2022.

Haas Steiner Bahrain
Credits Haas F1team

La stagione alle porte rappresenterà per il team americano un’annata transitoria in vista del cambio di regolamenti previsto tra due anni. Il team principal della Haas, Gunther Steiner ha confermato che la squadra non svilupperà la monoposto nel 2021, per concentrare le forze sulla nuova era del 2022.

Il boss italiano ha così dichiarato all’emittente teutonica n-tv:Il nostro obiettivo è tornare dove eravamo nel 2018. Questo sarà un anno di transizione”.

“Dalla prossima settimana – continua – concentreremo il lavoro in galleria del vento in funzione del 2022. Se tutto va come previsto, non lavoreremo sulla macchina 2021“.

L’aspettativa di una power unit di maggior livello porta, in casa Haas, la speranza di poter combattere con Alfa Romeo e Williams.

Il nostro obiettivo in questo 2021 è dare la caccia a Williams e Alfa Romeo, ma sarà dura e dovremo lottare. Il nostro motore sarà sicuramente migliore, vale anche per l’Alfa, ma potremmo raggiungere la Williams. Altrimenti non c’è tanto altro che possiamo fare adesso perché eravamo troppo lontani l’anno scorso”, ha dichiarato il team principal.

Nel mondiale 2021, ormai imminente, Steiner ha svelato che Haas si dedicherà molto alla crescita dei propri nuovi piloti. Entrambi al debutto in F1, Mick Schumacher e Nikita Mazepin dovranno sgrezzarsi in questi mesi di transizione per arrivare più maturi all’anno importante.

“Per me sarà un successo se a fine anno avremo due piloti che hanno imparato molto, e che sono preparati per non commettere errori nel 2022“, ha concluso il capo della scuderia americana.

 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

F1 | La data di presentazione della Williams FW43B sarà il 5 marzo

Francesco Rapetti

Aspirante giornalista, studente di Scienze Politiche all'Università di Genova. Appassionato di Formula 1 fin da piccolo.