F1 | Haas, Steiner: “Saremo cauti con gli aggiornamenti, non vogliamo ripetere l’errore del 2019”

Gunther Steiner, Team Principal della Haas, ha sottolineato l’importanza di capire la macchina prima di lavorare sugli aggiornamenti.

Steiner Haas sviluppi aggiornamenti VF-22 Magnussen Schumacher budget cup

L’inizio di stagione della Haas è stata una boccata d’aria per la scuderia americana. Il ritorno di Kevin Magnussen ha dato immediatamente i suoi frutti con un quinto posto in Bahrain e un nono in Arabia Saudita. I dodici punti conquistati dal danese hanno portato la Haas al quinto posto in classifica costruttori. Magnussen ha portato due volte la sua Haas nel Q3, mentre Schumacher è arrivato due volte in Q2 e sfiorato i punti in Bahrain. La VF-22 si è dunque dimostrata una buona vettura, anche se con una stagione così lunga è importante capire al 100% il funzionamento dell’auto. Gunther Steiner, Team Principal della Haas, ha espresso la sua opinione anche in merito all’importanza degli aggiornamenti, spesso sopravvalutati.

In un’intervista a Racingnews365, l’altoatesino ha posto l’accento sul budget cup e sull’efficacia degli sviluppi: “Alla gente piace portare aggiornamenti, ma se li porti per uno, due o tre punti, non è come ‘Uh, abbiamo portato gli aggiornamenti!’ La parte sembra diversa, ma cosa fa effettivamente? Questo è importante per me. Se chiedi a un aerodinamico, porterebbe ad ogni Gran Premio un milione di dollari di aggiornamenti per un punto. Questo deve essere gestito sotto il budget cup più di ogni altra cosa. Ovviamente non sto dicendo che nessuno ne porti di buoni, ma penso che a volte siano un po’ sopravvalutati”.


Leggi anche: F1 | Steiner ottimista per la gara in Australia: “La Haas può arrivare a punti in tutte le gare”


“Lo abbiamo appreso nel 2019 quando abbiamo continuato a portare aggiornamenti e siamo finiti all’ultima gara con il pacchetto della prima gara. Non erano buoni aggiornamenti! Normalmente, sbaglio una volta e la seconda volta cerco di non ripetere quell’errore. Concentriamoci sull’auto, capiamola e poi traggo il meglio di quello che abbiamo.” ha affermato Steiner con un riferimento alla altalenante stagione 2019.

“Quest’anno voglio mantenere la calma, per scelta, e non perché non abbiamo soldi. Vogliamo mettere insieme il pacchetto in modo da poterlo valutare correttamente, fare progressi e non modificare l’equilibrio dell’auto. Poi introdurremo gli aggiornamenti, ma non per dire ‘Abbiamo bisogno di aggiornamenti a sinistra, a destra e al centro’, no. ribadisce Steiner per concludere. 

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Emanuele Zullo

Classe 2005, vivo a Napoli dove frequento il liceo linguistico. Adoro qualsiasi cosa abbia quattro ruote e spero di trasformare la mia passione in lavoro.