F1 | Hamilton non è più nella Top 10 degli sportivi più pagati

La rivista Forbes, che annualmente stila le classifiche degli uomini e donne più ricchi ed influenti del pianeta, ha pubblicato quella relativa agli sportivi più pagati del 2022, in cui non figura più Lewis Hamilton.

Lewis Hamilton Mercedes
Lewis Hamilton, pilota per Mercedes AMG F1 – Credits: SkySportF1

Lewis Hamilton non è più tra i dieci sportivi più pagati al mondo secondo la classifica stilata dalla rivista Forbes. Il pilota britannico era già entrato nella top dieci in due occasioni, l’ultima delle quali lo scorso anno. Nel 2021, infatti, Hamilton occupava l’ottava posizione, con ben 82 milioni di dollari di guadagni stimati, mentre nel 2017 era decimo.

Nell’elenco pubblicato all’inizio di questa settimana, tuttavia, Lewis non figura più nella top ten. Quest’anno, la decima posizione è occupata dalla stella dell’NBA Giannis Antetokounmpo, con quasi 81 milioni di dollari. Ciò significa che nell’ultimo anno i guadagni totali di Lewis sono diminuiti, anche se solo leggermente.


Leggi anche: F1 | Ferrari a Barcellona rimuoverà la vernice trasparente per alleggerire il peso della vettura


I dati relativi ai guadagni utilizzati per calcolare la posizione nella lista, come spiega Forbes, “comprendono i premi in denaro, gli stipendi e i bonus guadagnati tra il 1° maggio 2021 e il 1° maggio 2022“. A ciò si aggiungono le stime relative agli “accordi di sponsorizzazione, ai compensi per le apparizioni e ai ricavi da merchandising” nello stesso periodo di tempo.

La lista di Forbes è guidata da Lionel Messi e comprende anche altri grandi nomi come LeBron James, Cristiano Ronaldo, Roger Federer e Tom Brady. Quest’ultimo, giocatore della NFL, ha giocato a golf proprio con Hamilton nei giorni che hanno preceduto il Gran Premio di Miami nell’ambito di un evento promozionale.

Nonostante non sia rientrato nella classifica di Forbes, il pilota britannico ha comunque attirato l’attenzione del mondo della finanza nelle ultime settimane. Hamilton si era infatti unito ad un fondo guidato da Martin Broughton per l’acquisto del Chelsea. L’operazione sembrava potersi realizzare in breve tempo, ma all’ultimo il club ha optato per un’altra offerta.

Seguici anche sui social: TelegramInstagramFacebookTwitter

Jacopo Moretti

Studente di Giurisprudenza, classe 1998. Appassionato di Formula 1 e del Motorsport.